In un pullman elettrico, per ripercorrere i risultati di trent’anni

Un’originale conferenza stampa su un pullman elettrico verrà promossa per il 14 aprile dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), allo scopo di ripercorrere tra le strade del centro cittadino i risultati raggiunti in trent’anni di attività. L’iniziativa darà anche il via all’evento pubblico denominato “Tutti Clienti”, tra posizionamento di pedane, presentazione di attività in favore dei diritti delle persone con disabilità, e prove esperienziali, che consentiranno a uomini politici e altri personaggi di rilievo di vivere in prima persona la disabilità

Torino, Via Po

Via Po a Torino sarà lo scenario dell’evento “Tutti Clienti”, in programma per il 14 aprile nel capoluogo piemontese

Un’originale conferenza stampa su un pullman elettrico della GTT (Gruppo Torinese Trasporti): sarà questa la proposta della CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), per la mattinata del 14 aprile (ore 10.45-12), che consentirà a tale organizzazione di ripercorrere tra le strade del centro cittadino i risultati raggiunti in trent’anni di attività. «La cornice cittadina – spiegano dall’organizzazione torinese – offrirà suggestioni concrete per vivere insieme le tappe del cambiamento avvenuto e sempre in corso».

La conferenza stampa, inoltre darà sostanzialmente l’avvio all’evento pubblico in Via Po, denominato Tutti Clienti, che continuerà per tutta la giornata, organizzato in collaborazione con l’ASCOM Confcommercio di Torino e Provincia, con l’Associazione Commercianti di Via Po, con il Centro Serviz Vol.To e con l’UICI del capoluogo piemontese (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti).
«Per l’occasione – spiegano ancora dalla CPD – verrà inaugurato un tratto accessibile di Via Po, con il posizionamento delle pedane, per consentire l’ingresso nei negozi alle persone con disabilità motoria, mentre le varie Associazioni coinvolte presenteranno le proprie attività, nel campo della tutela dei diritti delle persone con disabilità. Ma non solo: numerosi rappresentanti del mondo politico e altri personaggi di rilievo si cimenteranno in prove esperienziali, come accomodarsi su una carrozzina, indossare occhiali oscurati o attraversare la strada accompagnati da persone con disabilità, per vivere in prima persona la disabilità e mostrare la propria vicinanza alla tematica». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uffstampa@cpdconsulta.it.

Stampa questo articolo