L’inclusione passa per la tecnologia, passa per il teatro

Tre nuove app per dispositivi mobili, realizzate dagli studenti della Apple Developer Academy dell’Università Federico II di Napoli, volte a semplificare e migliorare la vita delle persone con disabilità visiva, verranno presentate domani, 19 luglio, presso la sede dell’UICI di Napoli, mentre il giorno successivo, a Portici, la Filodrammatica delle Rappresentanze di Portici ed Ercolano della stessa UICI partenopea, composta anche da persone non vedenti e ipovedenti, presenterà un nuovo spettacolo. Iniziative di segno diverso, ma che marciano entrambe verso l’inclusione e le pari opportunità

Mani di una persona che usa uno smartphoneQRecord, Dusk App, Audiograph App: nomi inglesi e in apparenza complicati, che caratterizzano però alcune funzionalità assai utili e volte a semplificare e migliorare la vita delle persone con disabilità visiva.
Sono le nuove app per dispositivi mobili, realizzate dagli studenti della Apple Developer Academy dell’Università Federico II di Napoli, che verranno presentate nel pomeriggio di domani, 19 luglio (ore 15.30), presso la sede dell’UICI di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), in Via San Giuseppe dei Nudi, 80.
Promosso insieme alla stessa Apple Developer Academy dalla Commissione Nazionale Ausili e Tecnologie dell’UICI e dalla Commissione Ausili, Nuove Tecnologie e Accessibilità dell’UICI di Napoli, l’incontro – dopo i saluti di esponenti istituzionali e politici – sarà moderato da Giuseppe Fornaro, coordinatore della Commissione Ausili, Nuove Tecnologie e Accessibilità dell’UICI di Napoli.
Vi interverranno Mario Mirabile, presidente dell’UICI partenopea, Nunziante Esposito, consigliere nazionale dell’UICI stessa, Giorgio Ventre e Stefano Perna, rispettivamente direttore e docente della Apple Developer Academy dell’Università Federico II.
Seguirà la presentazione delle app, con le conclusioni a cura di Fornaro e Ventre.
Entrando nel dettaglio delle nuove realizzazioni, QRecord è nata dall’esigenza di fornire alle persone con disabilità visiva un supporto per migliorarne l’indipendenza tra le mura domestiche e nello svolgimento delle azioni quotidiane.
Dusk App propone invece una serie di giochi accessibili, su cui misurarsi anche in coppia, favorendo piacevoli momenti di intrattenimento.
Audiograph App, infine, simula un registratore avanzato, una sorta di “fermo immagine” che diventa suono per mezzo del registratore, catturato quanto presente nel background.

Su tutt’altro versante (ma non del tutto) da segnalare, per la serata successiva del 20 luglio, un nuovo spettacolo alla Villa Savonarola di Portici (Napoli), della Filodrammatica delle Rappresentanze di Portici ed Ercolano dell’UICI di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti), compagnia diretta da Bruno Mirabile e composta da persone non vedenti e ipovedenti, oltreché da amici dell’Associazione.
Memore del successo ottenuto il 1° giugno scorso al Teatro MAV di Ercolano, con Una serata particolare (se ne legga anche sulle nostre pagine), la compagnia – che in oltre vent’anni ha proposto numerosi apprezzati spettacoli – si cimenterà questa volta in una serata di prosa, cabaret e tanta bella musica classica napoletana.

«Questi eventi – sottolinea Mario Mirabile, presidente dell’UICI di Napoli – sono sempre più importanti per far capire alla società dei cosiddetti “normodotati” che con l’impegno e l’abnegazione di tutti, anche alle diversità si possono garantire pari opportunità». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Gianluca Fava (gianluca.fava@uicinapoli.it).

Stampa questo articolo