Cyberbullismo e autismo: continuare a lavorare nelle scuole

«Purtroppo non ci sorprende – scrive Davide Del Duca – la vicenda di cyberbullismo ai danni di un ragazzo autistico di un Istituto Superiore di Udine, emersa nelle scorse settimane alla cronaca. Le persone con autismo, infatti, e in particolare quelle cosiddette “ad alto funzionamento”, sono vittime potenziali perfette di atti di bullismo, Bisogna dunque continuare a lavorare nelle scuole, per diffondere una cultura di inclusione e soprattutto per costruire attorno al compagno autistico una rete solidale di pari, che possa attivarsi di fronte a un eventuale atto di bullismo»

Prticolare delle mani di un ragazzo che digitano su uno smartphoneLa vicenda di cyberbullismo ai danni di un ragazzo autistico di un Istituto Superiore di Udine, emersa nelle scorse settimane alla cronaca, purtroppo non ci sorprende. Da anni ci stiamo occupando dell’argomento “autismo e bullismo”, grazie a un progetto sostenuto dalla Fondazione Friuli, che ci ha dato la possibilità di entrare in moltissime scuole della nostra Regione, per formare e informare su questo tema delicato, lavorando assieme a insegnanti e studenti.
Le persone con autismo infatti, e in particolare quelle cosiddette “ad alto funzionamento”, che grazie alla loro autonomia spesso non hanno il sostegno di un educatore, sono vittime potenziali perfette di atti di bullismo, poiché faticano a destreggiarsi nelle relazioni, a comprendere le reali intenzioni del prossimo, l’ironia, i doppi sensi, o anche semplicemente non sanno raccontare quello che stanno vivendo. È facile quindi immaginare non solo come possano essere indifese di fronte ad atti di bullismo o a dinamiche di esclusione più o meno volontarie, ed è anche  facile immaginare le particolari difficoltà che possono avere a interpretare quanto sta loro accadendo e a chiedere aiuto.

Per contribuire a dare risposte concrete a questo problema, dal 2016 ad oggi abbiamo formato su questo tema specifico più di 470 insegnanti e 416 studenti di scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio regionale, per un totale di 34 diversi istituti. Abbiamo lavorato per creare consapevolezza, diffondere una cultura di inclusione e dare strumenti operativi concreti, soprattutto per costruire attorno al compagno autistico una rete solidale di pari, che possa attivarsi di fronte a un eventuale atto di bullismo.
Molto è stato fatto, dunque, ma la cronaca ci dimostra che non bisogna smettere e continuare nella strada intrapresa. Ci auguriamo quindi che sempre più scuole si attivino in questo senso.

Direttore della Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone.

Stampa questo articolo