A Merano si continua ad aprire la strada al lavoro di persone con disabilità

È dal 1999 che la Cooperativa Sociale Independent L.di Merano (Bolzano) organizza corsi bilingui in àmbito informatico-amministrativo, con l’obiettivo di offrire alle persone con disabilità l’opportunità di una riqualificazione professionale e di un successivo inserimento nel mondo del lavoro. L’iniziativa, denominata “FSE20058 – I’M independent 2018”, ripartirà in dicembre, sempre grazie al sostegno del Fondo Sociale Europeo, articolandosi su numerosi moduli di teoria e pratica, fra cui uno stage in azienda, fino al mese di settembre del prossimo anno

Foto di gruppo per la conclusione del corso per il lavoro della Cooperativa Independent L. di Merano

Foto di gruppo per la conclusione di uno dei corsi degli anni passati di inserimento lavorativo, promossi dalla Cooperativa Independent L. di Merano

È ormai dal 1999 che la Cooperativa Sociale Independent L.di Merano (Bolzano) organizza regolarmente corsi bilingu, in àmbtio informatico-amministrativo, seguiti via via anche dal nostro giornale, con l’obiettivo di offrire alle persone con disabilità l’opportunità di una riqualificazione professionale e di un successivo inserimento nel mondo del lavoro.
L’iniziativa, denominata FSE20058 – I’M independent 2018, sta ora per ripartire, presso la sede della Cooperativa e sempre grazie al sostegno del Fondo Sociale Europeo. Accadrà nel prossimo mese di dicembre, con diversi moduli di teoria e pratica, fra cui uno stage in azienda, fino al mese di settembre del prossimo anno.

«I contenuti del corso – spiegano i promotori – vertono sul rafforzamento linguistico (certificazioni TELC-tedesco e CELI-italiano), informatico (certificazione ECDL Full Standard), sullo sviluppo di competenze tecniche spendibili in àmbito amministrativo e sul consolidamento di capacità trasversali di organizzazione e metodo. Le risorse specializzate della nostra Cooperativa affiancheranno come sempre i corsisti con attività di supporto personalizzato: consulenza sociale e tecnica sugli ausili, orientamento e accompagnamento al e sul lavoro».
I destinatari sono persone in età lavorativa e in stato di non occupazione, residenti o domiciliate in Alto Adige, con disabilità di tipo fisico-motorio e/o sensoriale e/o con malattia invalidante.

Al fine di garantire la giusta continuità, saranno erogati servizi di vitto, trasporto e alloggio in caso di necessità e per i destinatari con gravi limitazioni alla mobilità potrà essere attivato un servizio di assistenza alla persona. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Stefania Rizzo (stefania.rizzo@independent.it); Dorotea Postal (dorotea.postal@independent.it).

Stampa questo articolo