Un ascensore… qualche volta funzionante

Qualche mese fa quattro piani di scale tenendo in braccio il figlio con disabilità motoria, per consentirgli di vaccinarsi, ma quando l’ascensore si è rivelato nuovamente fuori servizio, i familiari hanno sporto denuncia. È accaduto all’ASL di Pietravairano (Caserta) e il fatto ha provocato un’interrogazione in Regione Campania, su sollecitazione della FISH Regionale, il cui presidente, Daniele Romano, si augura che da questo «parta un monitoraggio in tutte le strutture pubbliche di competenza regionale, per evitare altri episodi di discriminazione nei confronti di cittadini con disabilità»

Ascensore fuori servizio

Quattro piani di scale con il figlio in braccio, per farlo vaccinare: al nuovo guasto dell’ascensore i familiari hanno sporto denuncia

La segnalazione alla FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) era arrivata da due genitori della Provincia di Caserta: il loro figlio, persona con disabilità motoria, si era trovato di fronte a un ascensore fuori servizio nell’Azienda Sanitaria Locale di Pietravairano.
Non si trattava però di una novità, se è vero che qualche mese prima si era presentato lo stesso problema e per consentire al giovane di vaccinarsi, i familiari erano stati costretti a portarlo in braccio per quattro piani! Questa volta, dunque, di fronte al ripetersi dell’episodio, i genitori hanno sporto denuncia alla locale Stazione dai Carabinieri.
Dal canto suo, la FISH ha portato rapidamente a conoscenza della discriminazione il consigliere della Regione Campania Gianpiero Zinzi, che ha quindi presentato nei giorni scorsi un’interrogazione scritta alla presidente del Consiglio Regionale Rosa D’Amelio, chiedendo al presidente della Regione Vincenzo De Luca i motivi dell’accaduto e di intervenire immediatamente per ripristinare il funzionamento dell’ascensore.

«Abbiamo accolto in maniera positiva l’azione intrapresa dal consigliere Zinzi – dichiara Daniele Romano, presidente della FISH Campania – e ringraziandolo, ci auguriamo che attraverso la sua stessa interrogazione, la Regione Campania avvii un monitoraggio in tutte le strutture pubbliche di propria competenza, affinché vengano evitati ulteriori episodi di discriminazione nei confronti di cittadini con disabilità». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: federhand.fishcampania@gmail.com.

Stampa questo articolo