Il ruolo del disability manager a vent’anni dalla Legge 68

Evento aperto a tutti gli interessati, è organizzato dall’Università di Bergamo l’incontro, con relativa tavola rotonda, intitolato “Disability manager: ruolo, competenze e opportunità a 20 anni dalla Legge 68 del 1999”, che si terrà il 6 maggio, con l’obiettivo di riflettere sulle competenze e le opportunità operative del disability manager nell’àmbito delle politiche promosse per la tutela dei diritti delle persone con disabilità e in relazione alle reti e agli attori operanti nella Provincia di Bergamo

Persona con sindrome di Down al lavoro al computerEvento aperto a tutti gli interessati, è organizzato dall’Università di Bergamo, presso la propria sede cittadina di Pignolo (Via Pignolo, 123), l’incontro, con relativa tavola rotonda, intitolato Disability manager: ruolo, competenze e opportunità a 20 anni dalla Legge 68 del 1999, che si terrà nel pomeriggio di lunedì 6 maggio (ore 15.30-19).
L’obiettivo dell’iniziativa è quello di riflettere sulle competenze e le opportunità operative del disability manager nell’àmbito delle politiche promosse per la tutela dei diritti delle persone con disabilità e in relazione alle reti e agli attori operanti nella Provincia di Bergamo.

Dopo il saluto di Marco Lazzari, direttore del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università orobica, la prima parte sarà coordinata da Serenella Besio, docente dell’Università stessa, e vi si tratterà di esperienze di inserimento lavorativo sul territorio bergamasco di persone con disabilità.
La seconda parte sarà invece coordinata da Lucio Moioli, segretario generale di Confcooperative Bergamo e vi interverranno rappresentanti di Associazioni di persone con disabilità, della Provincia di Bergamo, delle Organizzazioni Sindacali, del Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci e di realtà economico produttive. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Fabio Scachi (f.sacchi@studenti.unibg.it).

Disability manager
Tale figura si può definire così: è un professionista adeguatamente remunerato, con un ruolo di supervisione in ogni àmbito (accessibilità, mobilità, politiche sociali, scuola, lavoro ecc.), che vigili sul rispetto della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e faccia sì che tutti gli attori istituzionali, quando pianificano, si chiedano: «Questa decisione che effetto avrà sulle persone con disabilità?».
Disability Management
In àmbito lavorativo rappresenta una strategia d’impresa utile a coniugare, in modo soddisfacente, le esigenze delle persone con disabilità da inserire – o già inserite – con le necessità delle aziende.

Stampa questo articolo