L’importanza della sensibilizzazione nelle scuole

Quanto sia importante e utile cercare di rendere consapevoli gli studenti delle scuole sul vero senso dell’inclusione delle persone con disabilità e sulla necessità di abbattere ogni pregiudizio e barriera culturale e materiale, ben lo dimostra il successo del “Progetto Scuola” promosso dall’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, cui guardano con attenzione numerosi istituti scolastici abruzzesi e che ha già consentito di incontrare migliaia di alunni della Regione, ultimi dei quali quelli dell’Istituto di Istruzione Superiore Algeri Marino di Casoli (Chieti)

Carrozzine Determinate Abruzzo in una scuola di Casoli (Chieti), 1° febbraio 2020

Foto di gruppo per l’incontro di sensibilizzazione sulla disabilità, presso l’Istituto Algeri Marino di Casoli (Chieti)

Nato all’insegna della gratuità, il Progetto Scuola dell’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo si propone di cambiare profondamente la coscienza sociale degli studenti, e in particolare di quelli delle scuole superiori, rendendoli consapevoli del vero senso dell’inclusione delle persone con disabilità e della necessità di abbattere ogni pregiudizio e barriera culturale e materiale.
Guardata con attenzione da numerosi istituti scolastici abruzzesi, l’iniziativa è già stata portata dalle Carrozzine Determinate a conoscenza di migliaia di alunni della Regione, ultimi dei quali quelli dell’Istituto di Istruzione Superiore Algeri Marino di Casoli (Chieti), incontrati qualche giorno fa.

Per l’occasione, di fronte a un centinaio di ragazzi delle classi quarte erano presenti Claudio Ferrante, presidente delle Carrozzine Determinate e Peppe Ardente, responsabile del Settore Trekking dell’Associazione Majella Sporting Team di Lama Dei Peligni (Chieti), che si sono soffermati a parlare con i giovani studenti di numerosi temi, dalla felicità all’inclusione, dalle barriere architettoniche a quelle culturali, dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità allo sport.
Ardente ha anche illustrato l’utilizzo e le funzionalità della Joëlette, carrozzina con ruota unica che permette di avanzare camminando o correndo velocemente o lentamente con l’aiuto di almeno due accompagnatori, ritenuto un ottimo strumento di integrazione sociale nella pratica dell’escursionismo condiviso. Per questo ha spronato i ragazzi a partecipare alle varie iniziative locali promosse con l’utilizzo di tale ausilio.

«In una scuola già solidale e aperta all’altro – commenta Costanza Cavaliere, dirigente scolastica dell’Algeri Marino, che ha organizzato l’iniziativa, coadiuvata dalla docente Amalia Cocco Pinelli – questo incontro è stato molto significativo per gli insegnamenti di solidarietà e integrazione trasmessi. I ragazzi delle quarte, attenti e coinvolti dalla capacità comunicativa e dalla forte esperienza personale del presidente di Carrozzine Determinate Ferrante, hanno realmente capito quanto sia necessario parlare di felicità, cosa significhi rispetto dell’altro e quanto sia importante non avere pregiudizi. Oggi, quindi, abbiamo assistito a una vera e propria lezione di vita». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: carrozzinedeterminate@hotmail.it.

Stampa questo articolo