Pensare agli “ultimi” significa anche pensare a chi si dedica agli “ultimi”

«Bene l’ampia adesione alla nostra campagna “#Nonfermateci” – dichiara Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo Settore -, ma ora chiediamo che i Parlamentari i quali hanno aderito alla campagna e tutti quelli che in questi anni hanno dimostrato di avere a cuore i temi del sociale si mobilitino per costituire un intergruppo che alimenti un dibattito informato e consapevole, indispensabile per avere concrete ed efficaci misure di sostegno al Terzo Settore in questa emergenza. Perché pensare agli “ultimi” significa pensare anche a coloro che agli “ultimi” si dedicano quotidianamente»

Elaborazione grafica dedicata al Terzo SettoreLanciata nei giorni scorsi dal Forum Nazionale del Terzo Settore, come avevamo segnalato anche sulle nostre pagine, la campagna social #Nonfermatecibasata su cinque “card fotografiche” dedicate alle attività svolte costantemente dalle organizzazioni del Terzo Settore – intendeva dare forza a un messaggio sintetizzabile così: «Non possiamo interrompere la nostra attività che oggi sostiene migliaia di persone fragili che devono poter continuare a contare su di noi. Per questo chiediamo alle Istituzioni di non fermarci, ma anzi di aiutarci a continuare il nostro lavoro che rischia altrimenti di cessare».
Oggi Claudia Fiaschi, portavoce del Forum, dichiara di «avere accolto con soddisfazione l’adesione da parte di diversi schieramenti politici a questa nostra campagna, un’adesione trasversale e larga che dimostra come il Terzo Settore e il mondo del Volontariato rappresentino un’ossatura fondamentale per il nostro Paese da tutti riconosciuta a prescindere dall’appartenenza politica. Se vogliamo infatti pensare al futuro dopo che questa tragedia sanitaria sarà finalmente superata, bisognerà valorizzare le competenze, le capacità, e l’abnegazione di migliaia di italiani che tengono in piedi il welfare e la coesione sociale del Paese. Senza queste energie tante attività sociali per le persone più vulnerabili, e non solo, non ci sarebbero».

«Un Paese che riparte – sottolinea ancora la Portavoce del Forum – deve farlo dai suoi fondamenti di civiltà e di giustizia sociale e pensare agli “ultimi” significa pensare anche a coloro che agli “ultimi” si dedicano quotidianamente. A questo punto, quindi, chiediamo un passo in più, ovvero che i Parlamentari i quali hanno aderito alla nostra campagna e tutti quelli che in questi anni hanno dimostrato di avere a cuore i temi del sociale si mobilitino per costituire insieme un intergruppo, per alimentare in Parlamento un dibattito informato e consapevole, indispensabile per costruire misure efficaci di sostegno concreto al Terzo Settore in questa emergenza. Sarebbe infatti un impegno importante per sensibilizzare tutte le Istituzioni e far marciare speditamente i provvedimenti di legge che toccano il Terzo Settore, non solo quelli legati all’emergenza, ma anche i tanti necessari per il completamento della riforma approvata nel 2016 [Legge 106/16, N.d.R.]. Saranno tutti temi che sottoporremo all’attenzione della prossima Cabina di Regìa convocata per il 29 aprile dalla Presidenza del Consiglio e dedicata appunto al Terzo Settore». (S.B.)

A questo link è disponibile l’elenco dei soci (tra i quali la FISH-Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap) e degli aderenti al Forum Nazionale del Terzo Settore. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: stampa@forumterzosettore.it (Anna Monterubbianesi).

Stampa questo articolo