Un emendamento al “Decreto Semplificazioni” sui sussidi tecnici informatici

Come segnala l’Associazione ANGLAT, in sede di conversione di legge al Senato del Decreto 76/20 (il cosiddetto “Decreto Legge Semplificazioni”, ovvero “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”), è stato approvato un emendamento che potrà semplificare le procedure per l’acquisto dei sussidi tecnici e informatici da parte delle persone con disabilità

Donna in carrozzina davanti a un computerCome informa l’ANGLAT (Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti), in sede di conversione di legge al Senato del Decreto 76/20 (il cosiddetto “Decreto Legge Semplificazioni”, ovvero Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale), è stato approvato un emendamento che potrà semplificare le procedure per l’acquisto dei sussidi tecnici e informatici da parte delle persone con disabilità.
Al comma 2 di tale emendamento, divenuto l’articolo 29 bis del Decreto, si dispone infatti che «con proprio decreto […]Il Ministero dell’Economia e delle Finanze aggiorni il comma 2 dell’articolo 2 del Decreto Ministeriale – Ministero delle Finanze – 14 marzo 1998, prevedendo che le persone con disabilità ai fini dell’applicazione dei benefìci previsti« possano «produrre il certificato attestante l’invalidità funzionale permanente rilasciato dalla unità sanitaria locale competente o dalla commissione medica integrata sopprimendo la necessità di presentare contestualmente la specifica prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista della azienda sanitaria locale di appartenenza».
«Questo – commentano dall’ANGLAT – potrà evitare la produzione, da parte degli interessati, di una certificazione altrimenti doppia per poter accedere allo stesso beneficio, con conseguente dilatazione dei tempi di accesso allo stesso».
L’esame del “Decreto Semplificazioni” è passato ora alla Camera, che dovrà a propria volta approvarne la conversione in Legge. (S.B.)

Stampa questo articolo