Ruolo fondamentale del Terzo Settore: passare dalle parole ai fatti

«È molto positivo – dichiara Vanessa Pallucchi, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore – che per la prima volta il ruolo del Terzo Settore e dell’economia sociale sarà riconosciuto nel documento finale del vertice G7 su lavoro e occupazione, in corso in Germania. Ora, però, dalle parole si passi ai fatti: senza una riforma compiuta, infatti, il Terzo Settore non potrà continuare a rafforzare il proprio impegno. Si definiscano quindi, una volta per tutte, norme giuste e adeguate che riconoscano davvero l’impegno del Terzo Settore per l’economia e la società di questo Paese»

Nuvoletta del Terzo Settore con varie parole

Parlando di Terzo Settore nel nostro Paese si fa riferimento a 5 milioni di volontari, quasi 400.000 realtà no profit e quasi 900.000 dipendenti

«Per la prima volta il ruolo del Terzo Settore e dell’economia sociale sarà riconosciuto nel documento finale del vertice G7 su lavoro e occupazione, come dichiarato dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Orlando, che oggi ha ribadito a Wolfsburg l’importanza dell’impegno del Terzo Settore nella pandemia e nell’accoglienza dei profughi ucraini. È una notizia molto positiva che, almeno formalmente, rende merito al lavoro costante di centinaia di migliaia di realtà non profit nel nostro Paese».
A dichiararlo in una nota è Vanessa Pallucchi, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, che tuttavia aggiunge: «Ora, però, dalle parole si passi ai fatti: senza una riforma compiuta, infatti, il Terzo Settore non è nelle condizioni di continuare e rafforzare il proprio impegno e ad oggi, le ipotesi al vaglio in materia fiscale sono addirittura penalizzanti per il nostro mondo. Si definiscano quindi, una volta per tutte, norme giuste e adeguate che riconoscano davvero l’impegno del Terzo Settore per l’economia e la società di questo Paese». (S.B.)

Per ulteriori informazioni: stampa@forumterzosettore.it.
A questo link è disponibile l’elenco completo di tutti i soci – tra cui anche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – e degli aderenti al Forum Nazionale del Terzo Settore.

Stampa questo articolo