Nessun cioccolato è buono così

Sarà questo lo slogan della Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down, promossa da CoorDown per il 13 ottobre, durante la quale, in oltre duecento piazze italiane, verranno distribuite tante tavolette di cioccolato, in cambio di contributi utili a sostenere vari progetti, nel segno dell’autonomia, dell’inserimento lavorativo, dell’integrazione scolastica e dell’esercizio di voto, oltreché per sostenere la ricerca scientifica

Immagine ufficiale della Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down del 2013

L’immagine ufficiale scelta per la Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down del 13 ottobre prossimo

Promuove l’integrazione e l’autonomia, sostiene progetti di formazione e di inserimento lavorativo e contribuisce alla ricerca scientifica. In più è prodotto con cacao proveniente dalla rete del commercio equo e solidale. Insomma, nessun cioccolato è buono così! Inutile, però, cercarlo in commercio, perché sarà disponibile solo nelle piazze italiane nel weekend del 12 e 13 ottobre, come di consueto da oltre dieci anni.
Anche quest’anno, infatti, domenica 13 ottobre si celebrerà in oltre duecento piazze in tutta Italia la Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down, organizzata dal CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down). In tale occasione, i volontari offriranno la tavoletta/messaggio di cioccolato in cambio di un contributo per aiutare l’attività sul territorio delle settantaquattro Associazioni aderenti al CoorDown.
L’evento sarà per altro preceduto da una serie di iniziative collaterali, nel corso della settimana precedente, tra cui convegni, spettacoli, mostre e seminari.

L’obiettivo della Giornata è sostanzialmente quello di affermare l’importanza di una cultura della diversità e l’unicità di ognuno, contro i tanti pregiudizi che ancora colpiscono le persone con disabilità, perché “essere differenti è normale”. In altre parole, le persone con sindrome di Down non sono tutte uguali. È quindi fondamentale conoscerle e metterle alla prova, per scoprire che molte di loro hanno enormi potenzialità e sono capaci di svolgere una professione con impegno e costanza, di studiare con soddisfazione e di praticare sport ad ottimi livelli.
Si può dire quindi che un lavoro e un percorso scolastico di qualità non siano solo diritti, ma anche gli strumenti più importanti per garantire ai giovani con sindrome di Down una vita autonoma, una piena integrazione nella società e un futuro sereno e dignitoso.

Oltre duecento, come detto, saranno dunque, domenica 13 – e in alcune città anche sabato 12 – le piazze che vedranno giovani con sindrome di Down, familiari e volontari delle Associazioni, impegnati per lo più in prossimità di chiese e centri commerciali, per dare informazioni sulla sindrome e per offrire, in cambio di un contributo, un messaggio speciale, volto a sostenere una serie di progetti. In particolare, si parla di autonomia abitativa per ragazzi e adulti, di formazione e accompagnamento all’inserimento lavorativo, di integrazione scolastica e di verifica della corretta applicazione delle norme in materia, di educazione alla consapevolezza dell’esercizio di voto in occasione delle elezioni e di ricerca scientifica.
Nessun cioccolato è buono così è lo slogan scelto per una campagna di comunicazione “golosa” – realizzata in collaborazione con l’Agenzia Saatchi & Saatchi – che fa il verso, con un po’ di ironia, ai visual delle pubblicità di celebri marchi di cioccolato.
A fianco infine di CoorDown, come accade ormai da cinque anni, vi è anche Deichmann Calzature, il cui sostegno passa anche attraverso un progetto di integrazione nel mondo del lavoro, grazie al quale ragazzi e ragazze con sindrome di Down possono avere la preziosa opportunità di essere collocati in maniera stabile presso l’azienda, come avviene, ad esempio, nelle filiali di Mestre e Cinisello Balsamo (Milano). (Federico De Cesare Viola)

CoorDown
Il Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down nasce nel 2003, in occasione della prima Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down, e rappresenta oggi l’organismo ufficiale di confronto con tutte le Istituzioni, per quanto riguarda le problematiche e i diritti delle persone con la sindrome di Down.
Lo scopo è quello di attivare azioni di comunicazione sociale, per far conoscere le potenzialità e tutelare i diritti delle persone con sindrome di Down, favorire l’integrazione nella scuola, nel lavoro e nello sport, condividere esperienze tra le singole Associazioni, individuare e mettere in atto strategie comuni rispetto a problemi politici condivisi. Le Associazioni aderenti al coordinamento sono attualmente settantaquattro e ognuna mantiene la sua autonomia in relazione alle proprie attività e alla propria azione politica.
Il CoorDown continua a promuovere ogni anno, nella seconda domenica di ottobre, la Giornata Nazionale delle Persone con sindrome di Down. Il 21 marzo, inoltre, organizza e promuove in Italia la Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down. Le due ultime campagne di comunicazione (Integration Day e #DammiPiùVoce), realizzate entrambe insieme all’agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi, hanno ricevuto numerosi prestigiosi premi al Festival della Creatività di Cannes, il più importante appuntamento mondiale sulla pubblicità (tutti i progetti di comunicazione sono disponibili e condivisibili sul canale YouTube di CoorDown).

Nel sito di CoorDown è disponibile il calendario completo delle varie iniziative ed eventi proposti prima e durante la Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down del 13 ottobre. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@coordown.it.

Stampa questo articolo