Anche il cinema si tinge di blu

Torna a Torino – ma quest’anno anche con un’“appendice” nelle Marche – “cinemAutismo”, la prima rassegna cinematografica italiana sull’autismo e la sindrome di Asperger, e lo fa proprio oggi, 2 aprile, in corrispondenza con la Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo. Fino al 7 aprile, dunque, anche i cinema “si tingeranno di blu”, il colore dell’autismo, che in questi giorni illumina tanti edifici e monumenti in Italia e nel mondo

Logo di "cinemAutismo 2014"«Quando abbiamo iniziato l’avventura di cinemAutismo – spiegano i curatori di cinemAutismo Marco Mastino e Ginevra Tomei – non avremmo mai pensato di arrivare alla sesta edizione e invece ogni anno non solo scopriamo nuovi e interessanti film, che non trovano distribuzione in Italia e che si possono vedere nella nostra rassegna, ma aumentano anche il pubblico e le collaborazioni, come quella con un’Associazione marchigiana che ha portato alla realizzazione di una versione ridotta della rassegna anche in Centro Italia. Siamo inoltre molto contenti di avere proseguito la collaborazione per le scuole con il Museo Nazionale del Cinema e di avere contribuito a un nuovo progetto dell’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), dedicato alla sensibilizzazione degli studenti delle scuole di Torino. Continua quindi il nostro impegno a 360 gradi per promuovere, giorno dopo giorno, una cultura d’inclusione grazie alla magia del cinema».

Torna dunque per la sesta volta cinemAutismo, la prima rassegna cinematografica italiana dedicata all’autismo e alla sindrome di Asperger, e lo fa proprio oggi, 2 aprile, in corrispondenza con la Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo, intitolandosi Il cinema si tinge di blu, richiamando cioè l’ormai tradizionale iniziativa Light it up blue (“Illuminalo di blu”), voluta da Autism Speaks, la più grande organizzazione mondiale che promuove la ricerca scientifica sull’autismo.
Si tratta, lo ricordiamo, del coinvolgimento di tanti monumenti ed edifici del mondo, che per il 2 aprile di ogni anno si illuminano appunto di blu, «colore “enigmatico” – come spiegano i promotori -, che risveglia il desiderio di conoscenza e di sicurezza (e in quanto tale colore dell’autismo), a testimoniare la sensibilità delle metropoli rispetto alla problematica dell’autismo. Le persone più sensibili, poi, hanno all’occhiello un nastro blu e mettono una lampada blu alla finestra».

I curatori di cinemAutismo, come detto, sono Marco Mastino e Ginevra Tomei e l’organizzazione è affidata all’Associazione Museo Nazionale del Cinema, con il sostegno della Fondazione Paideia ONLUS, della Fondazione CRT (Cassa di Risparmio di Torino), di Gruppo Asperger, dell’ANGSA Piemonte (Sezione di Torino) e del Centro Servizi per il Volontariato Idea Solidale.
Ci si avvia pertanto a vivere, nel capoluogo piemontese, cinque giorni di cinema “in blu”, in altrettante sale, a partire, come detto, dalla serata di oggi, 2 aprile, con la proiezione in anteprima italiana della commedia The Story of Luke di Alonso Mayo (Cinema Lux, ore 20.45), pellicola vincitrice di numerosi premi che narra la storia del giovane Luke, persona con sindrome di Asperger, alle prese con la ricerca di un lavoro e di una fidanzata.
Si proseguirà quindi venerdì 4 aprile (nuova sede della Scuola Holden, ore 20.45), con il documentario “on the road” The Special Need di Carlo Zoratti, del quale il nostro giornale si è già più volte occupato, opera presentata all’ultima edizione del Festival di Locarno, che affronta con delicatezza il tema della sessualità nell’autismo.
E ancora, sabato 5 aprile (Irenea del Centro Sereno Regis, ore 20.45), verrà presentato in anteprima Wrong Planet di Chiara Sambuchi, documentario tedesco in cui i tre protagonisti con sindrome di Asperger si raccontano, mentre la giornata di domenica 6 aprile (Cecchi Point) sarà inaugurata (ore 17) dal documentario italo-argentino Ocho Pasos Adelante di Selene Colombo, alla presenza della co-produttrice Sabina Colombo. Seguirà l’intervento della fotografa Paola Schillaci, che presenterà il suo doppio progetto fotografico A day with Noah e A day with Elia, già in mostra presso lo stesso Cecchi Point dal 17 marzo. Concluderà la serata (ore 20.45) l’anteprima italiana del lungometraggio God’s Ears, diretto e interpretato da Michael Worth, che narra l’amicizia tra un aspirante boxeur con autismo e una ballerina di night.
La rassegna si chiuderà quindi lunedì 7 aprile (Cinema Ambrosio, ore 20.45), con l’anteprima italiana di Mabul di Guy Nattiv, lungometraggio israeliano che narra il difficile rapporto tra un adolescente e il fratello autistico.

Come infine già accennato inizialmente, in contemporanea alla rassegna torinese, quest’anno cinemAutismo sbarcherà anche nelle Marche, grazie alla collaborazione con l’Associazione Omphalos, e proporrà due film, El viaje de María di Miguel Gallardo e Ocean Heaven con Jet Li, che verranno presentati sia oggi, 2 aprile a Fermo, che successivamente il 5 aprile a Cupra Marittima (Ascoli Piceno), l’11 aprile a Jesi (Ancona) e il 18 aprile a Pesaro. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@amnc.it.

Stampa questo articolo