“Uno sguardo raro”, festival “portatore sano di emozioni”

«Un festival “portatore sano di emozioni”, fatto di storie che raccontano quanto si possano superare i propri limiti fisici e non solo»: viene definito così “Uno sguardo raro”, primo festival di cinema dedicato alle Malattie Rare, la cui terza edizione è in programma per il 10 e l’11 febbraio alla Casa del Cinema di Roma. Da segnalare anche che durante la serata di premiazione verrà proiettato lo spot “#LimitiZero”, progetto dedicato a ragazzi e giovani adulti con emofilia

Locandina della terza edizione del Festival "Uno sguardo raro", Roma, 10-11 febbraio 2018«Un festival “portatore sano di emozioni”, fatto di storie che raccontano quanto si possano superare i propri limiti fisici e non solo»: viene definito così Uno sguardo raro, primo festival di cinema dedicato alle Malattie Rare, la cui terza edizione è in programma sabato 10 e domenica 11 febbraio, presso la Casa del Cinema di Villa Borghese a Roma.

La manifestazione, che anticipa le iniziative previste per la Giornata Mondiale delle Malattie Rare – tradizionalmente in programma per l’ultimo giorno di febbraio – è organizzata da Nove Produzioni, in collaborazione con Casa del Cinema e Zétema, con il patrocinio di Roma Capitale, UNIAMO-FIMR (Federazione Italiana Malattie Rare), ISS (Istituto Superiore di Sanità), RAI Segretariato Sociale, Biblioteche di Roma, Agiscuola, Associazione 100 autori, ANAC (Associazione Nazionale Autori Cinematografici), FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana) e Roma Lazio Film Commission, oltreché con il sostegno non condizionato di Biogen, Sobi Swedish Orphan Biovitrum e Shire Italia.
Media partner è l’OMAR (Osservatorio Malattie Rare) e festival Partner Il Volo di Pègaso, Perugia Social Photo Fest e Disorder-The Rare Disease International Film Festival.

Come ci viene quindi segnalato dall’OMAR, durante la serata di premiazione verrà proiettato lo spot #LimitiZero, progetto dedicato a ragazzi e giovani adulti con emofilia, realizzato dallo stesso OMAR, in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Milano, la Fondazione Paracelso, FedEmo (Federazione delle Associazioni Emofilici) e l’AICE (Associazione Italiana Centri Emofilia).
«L’obiettivo di questo spot – spiegano dall’Osservatorio Malattie Rare – è quello di costruire, insieme ai ragazzi, una nuova immagine della malattia così poco conosciuta dalle nuove generazioni ed è stato reso possibile grazie al contributo non condizionato di Sobi Italia, azienda biofarmaceutica che si dedica allo sviluppo di terapie innovative per le Malattie Rare e che risulta anche tra i sostenitori non condizionati del Festival Uno sguardo raro». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@unosguardoraro.org; ufficiostampa@osservatoriomalattierare.it.

Stampa questo articolo