Chi è il miglior caregiver? Il povero vecchio o il cane?

La vita di una “famiglia con grave disabilità” e di un “vecchio caregiver” (per autodefinizione) si arricchisce di un ulteriore protagonista, il cane Milton, che «quando è in giardino con Silvia – racconta il padre di quest’ultima Giorgio Genta – le fa molte feste e ne rallegra la giornata. Chi è dunque il miglior caregiver? Il povero vecchio che scrive o il cane? In casa non hanno dubbi…»

Silvia Genta con Milton

Silvia Genta con Milton

Da molti anni abbiamo un cane, ormai vecchio, che fu assai bello in gioventù e che ora si adatta malvolentieri all’inesorabile scorrere del tempo.
Specialmente nelle notti piovose o quando tira vento, probabilmente tormentato da dolori alle articolazioni, ulula sommessamente, stile film degli orrori.
Essendo un trovatello (venne abbandonato in un bosco legato ad un albero e il trauma dell’abbandono ne ha segnato la psiche canina), patisce particolarmente la solitudine e forse più della zuppa abbondante bramerebbe compagnia.
Il problema, però, è insolubile: non posso andare in giardino a far compagnia al cane, essendo impegnato come caregiver, e lui non può entrare in casa, a causa di alcune deprecabili abitudini igieniche un po’ troppo libere.
C’è tuttavia un pieno riscatto nell’apparentemente triste storia: quando con Silvia [la figlia dell’Autore, giovane donna con grave disabilità, N.d.R.] andiamo in giardino, Milton, il cane suddetto, le fa molte feste e ne rallegra la giornata.
Sorge dunque un dubbio legittimo: chi è il miglior caregiver? Il povero vecchio che scrive o il cane? In casa non hanno dubbi…

Stampa questo articolo