Mario Barbuto confermato Presidente del FID: prima di tutto il diritto di voto

Riconfermato alla Presidenza del FID (Forum Italiano sulla Disabilità), Mario Barbuto ha annunciato una sua lettera ai candidati all’Europarlamento, per chiederne un impegno preciso sui temi della disabilità, a partire dal libero esercizio del diritto di voto e di elezione. Organismo importante soprattutto a livello internazionale, il FID ha nelle Federazioni FAND e FISH le sue principali componenti e queste ultime hanno ribadito per l’occasione il fermo proposito di raggiungere posizioni comuni e condivise sui temi principali che riguardano milioni di persone con disabilità in tutta Italia

Mario Barbuto

Mario Barbuto

Nel corso dell’Assemblea di Roma del FID (Forum Italiano sulla Disabilità), Mario Barbuto è stato riconfermato alla Presidenza di tale organismo e Antonio Cotura alla Vicepresidenza. Il Forum stesso, inoltre, ha rinnovato il Consiglio Direttivo e ha approvato la riforma del proprio Statuto, ciò che ne renderà le attività più agili ed efficienti.

Il FID, è opportuno ricordare, si è costituito nel 2008, dalla fusione tra il CND (Consiglio Nazionale sulla Disabilità) e il CID.UE (Consiglio Italiano dei Disabili per i rapporti con l’Unione Europea).
Esso comprende tutte le principali organizzazioni e federazioni rappresentative delle persone con disabilità e delle loro famiglie e ha un ruolo molto importante non solo a livello nazionale, ma anche e soprattutto in campo internazionale. Sulla base, infatti, del perseguimento dei princìpi sanciti dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (ratificata nel nostro Paese con la Legge 18/09, e dall’Unione Europea nel 2010), il FID effettua proposte anche di tipo normativo, in relazione alle politiche europee e internazionali sulla disabilità, indica le linee operative nazionali presso le maggiori Istituzioni, dentro e fuori il Vecchio Continente, e prende parte ai lavori dell’EDF, il Forum Europeo della Disabilità.

In occasione della sua riconferma, Barbuto ha annunciato una sua lettera personale a tutti i candidati al Parlamento Europeo, per chiedere un loro impegno preciso sui temi della disabilità, a partire dal libero esercizio del diritto di voto e di elezione da garantire a tutti in modo indipendente.
Dal canto loro, la FAND (Federazione tra le Associazioni di Persone con Disabilità) e la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), organizzazioni che costituiscono l’ossatura fondamentale del FID, presiedute rispettivamente da Nazaro Pagano e Vincenzo Falabella, hanno ribadito il loro fermo proposito di sviluppare modalità di dialogo e di concertazione, per raggiungere posizioni comuni e condivise sui temi principali che riguardano milioni di persone con disabilità in tutta Italia. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: fid.presidenza@gmail.com.

Stampa questo articolo