Anche i Centri di Riabilitazione sono sovraffollati!

«Sono la madre di una bambina con gravissima disabilità e malattia rara – scrive Stella Di Domenico – seguita per la riabilitazione al Santa Lucia di Roma, Centro che, come tutti quelli del Lazio, resterà aperto, non avendo direttive in merito alla sospensione dei trattamenti. Anche questi Centri, però, sono spesso sovraffollati e stracolmi di bambini con un sistema immunitario compromesso. Chiedo perciò al Governo di dare la possibilità alle famiglie di scegliere se mandarvi o meno i propri figli e nel caso decidessero di tenerli a casa, di non computare le assenze»

Riabilitazione alla Fondazione Santa Lucia di Roma

Riabilitazione alla Fondazione Santa Lucia di Roma

Sono la madre di una bambina con gravissima disabilità e malattia rara, seguita per la riabilitazione alla Fondazione Santa Lucia di Roma. Tale Centro, come tutti quelli del Lazio, resterà aperto perché non ha direttive in merito alla sospensione dei trattamenti. Mi domando quindi, alla luce del Decreto del Presidente del Consiglio emanato ieri, 4 marzo, che dispone la sospensione delle attività didattiche, come sia possibile che non venga fatta menzione di un provvedimento che riguarda questi Centri spesso sovraffollati e stracolmi di bambini con un sistema immunitario compromesso.
E mi domando ancora come ci si possa attenere in questi casi ad osservare la distanza di sicurezza di un metro e il contatto fisico.
Ovviamente io non vi manderò mia figlia, ma il grande problema è che c’è un limite di assenze che, se superato, mette seriamente a rischio i pazienti di dimissione!
Suggerisco quindi al Governo di dare la possibilità alle famiglie di scegliere se mandare o meno i propri figli e nel caso decidessero di tenerli a casa, di non computare queste assenze poiché legate esclusivamente alla tutela della salute dei soggetti più fragili.

Presidente dell’Associazione UniPhelan di Roma.

Stampa questo articolo