Torna a Gardaland il servizio personalizzato per ospiti con esigenze specifiche

Nel 2018 e nel 2019 era stato un successo e ora, dopo l’ovvia sospensione dello scorso anno, torna in questo 2021, al Parco Divertimenti Gardaland di Castelnuovo del Garda (Verona), il servizio “Easy Rider”, curato insieme a Progetto Yeah!, con l’obiettivo di garantire ancora una volta il divertimento all’interno del Parco anche alle persone con disabilità di ogni tipo. “Easy Rider”, infatti, si pone come utile supporto dei gruppi in arrivo, accompagnandoli dentro Gardaland e aiutandone i componenti a organizzare al meglio la giornata

Persona con disabilità motoria al Parco Divertimenti Gardaland

persona con disabilità motoria al Parco Divertimenti Gardaland

Nel 2018 e nel 2019 era stato un successo, come avevamo raccontato anche sulle nostre pagine (a questo e a questo link), poi quanto accaduto lo scorso anno ha causato segnatamente la sospensione e l’“oscuramento” di ogni iniziativa del genere. Finalmente, in questo 2021, torna, al Parco Divertimenti Gardaland di Castelnuovo del Garda (Verona), il servizio Easy Rider, curato insieme al Progetto Yeah!, ramo aziendale della Cooperativa Sociale Quid, specializzato nella fornitura di servizi per l’accessibilità e l’inclusione. E l’obiettivo, naturalmente, torna ad essere lo stesso: garantire il divertimento all’interno del Parco anche alle persone con disabilità, che siano ospiti con limitazioni visive, con ridotta mobilità, con disturbi dello spettro autistico o con sindrome di Down. Easy Rider, infatti, si pone come utile supporto dei gruppi in arrivo, accompagnandoli dentro Gardaland e aiutandone i componenti a organizzare al meglio la giornata.

«In sostanza – spiegano i promotori – si tratta di un servizio personalizzato, su misura, rivolto ad ospiti con esigenze specifiche, che tra i vari vantaggi consente la possibilità di rilassarsi e divertirsi senza alcuna preoccupazione, fino a potersi orientare senza fatica nel Parco, scegliendo il percorso più veloce per raggiungere le attrazioni più adatte. Lo staff che vi è addetto, infatti, realizza un itinerario personalizzato in base alle esigenze del gruppo, guida gli ospiti all’interno del Parco, li accompagna all’ingresso di ogni attrazione e, prima di salire, ne descrive le caratteristiche: dal funzionamento fino alla spiegazione relativa alle fasi di salita, discesa e percorso. Lo staff stesso, inoltre, effettua prenotazioni per conto degli ospiti all’interno dei ristoranti del Parco. Il tutto precisando che tale servizio non si sostituisce agli accompagnatori delle persone con disabilità, ma va considerato appunto come un valore aggiunto per i gruppi al cui interno è strettamente necessaria la presenza di un adeguato numero di accompagnatori (uno per ciascun ospite con disabilità)».

«L’accessibilità è un tema complesso – dichiara Danilo Santi, direttore generale di Gardaland, che in vista della realizzazione di Easy Rider ha incontrato una serie di Associazioni, ascoltandone le richieste – che ogni giorno presenta nuove sfaccettature e nuove esigenze, generate dalla giustificata quanto semplice richiesta degli ospiti di potersi divertire e, da parte nostra, dal desiderio di coinvolgere tutti nell’esperienza del Parco. Abbiamo dunque cercato di fare in modo che l’accesso a Gardaland possa essere il più possibile inclusivo per tutte le persone con disabilità».

Qualche dettaglio informativo in più: il servizio è disponibile nei giorni di apertura di Gardaland in questo mese di luglio e in quello di settembre (fasce orarie: 10.30- 13.30 e 14-17). Esso è dedicato a gruppi da un minimo di quattro fino ad un massimo di dodici persone, con un numero equilibrato di ospiti con disabilità e accompagnatori. Per usufruirne è necessario prenotarsi almeno tre giorni prima della data prescelta (tel. 045 6449777). Lo staff di Easy Rider accoglierà il gruppo al Welcome Desk situato al castello medievale di ingresso e dopo le presentazioni di rito, si potrà partire per il viaggio dentro Gardaland.
Per il servizio Easy Rider è richiesto un contributo di 5 euro per ciascun membro del gruppo, ma l’ingresso a Gardaland è gratuito per le persone con disabilità non autosufficienti, mentre è a tariffa ridotta per le persone con disabilità autosufficienti e per gli accompagnatori. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: info@progettoyeah.it.

Stampa questo articolo