Editoriali

Il terremoto “con una paura in più”

Una persona anziana soccorsa ad Amatrice (Rieti)
(AP Photo/Alessandra Tarantino)

C’è sempre “una paura in più” per le persone con disabilità – motoria, cognitiva o sensoriale – direttamente coinvolte in eventi come il terremoto che ha colpito in questi giorni il Centro Italia, ma le tante iniziative di questi ultimi anni, sia a livello nazionale che internazionale, volte a metterne in luce le particolari necessità in situazioni di catastrofi ed emergenze, hanno ampliato positivamente il quadro delle possibilità di intervento

Videosorveglianza? Prima chiudete i lager

Videosorveglianza? Prima chiudete i lager

Il 15 di giugno congiuntamente due Commissioni Parlamentari (I, Affari costituzionali e XI, Lavoro) hanno iniziato l’esame complessivo di ben 7 diverse proposte di legge che prevedono di rendere obbligatorio l’uso della videosorveglianza in asili-nido, scuole, strutture per disabili e anziani. Proposte che sembrano avere la strada spianata e raccogliere il plauso di molti. Ma i coni d’ombra e gli interrogativi, etici e pratici, non mancano.

I pregiudizi hanno le gambe corte

Anche a un pur abile e scafato professionista come Carlo Cottarelli, a suo tempo commissario straordinario per la revisione della spesa pubblica, scapparono alcuni svarioni in tema di invalidità civile e di indennità di accompagnamento, che «Superando.it» segnalò subito, ma in aurea solitudine...

L’INPS ha pubblicato in questi giorni il suo consueto Rapporto Annuale e il documento contribuisce questa volta a smontare alcune bufale e pregiudizi, che «Superando.it» stigmatizza, in aurea solitudine, da almeno due anni e mezzo. Presunti abusi, presunti picchi territoriali nella concessione dell’indennità di accompagnamento, presunte ricchezze vengono infatti letteralmente sgretolati dalla lettura del Rapporto

Contano più i titoli o “una faccia un po’ così”?

Maria Erminia Maglio insieme al padre Giovanni, docente anch'egli

Ruota tutta attorno a questa domanda la vicenda di una giovane insegnante alla quale è stato chiesto di rinunciare a una supplenza perché, a quanto pare, l’aspetto del suo viso – che porta i segni di un abbassamento palpebrale e di una semiparesi facciale – potrebbe essere «diseducativo». Dopo l’interessamento di alcuni Parlamentari, il caso è arrivato sul tavolo del Ministero dell’Istruzione e dunque non resta che attendere gli sviluppi, con la speranza di ricevere una risposta anche a quella nostra domanda

Discriminazione e disabilità: accettata, ma inaccettabile

Una realizzazione grafica dedicata alla discriminazione e allo stigma delle persone con disabilità

«Non possiamo accettare – scrivono dalla LEDHA, commentando la vicenda della ragazza con autismo che i compagni non volevano in gita d’istruzione con loro – che gli adulti non abbiano svolto il proprio ruolo di educatori: avrebbero dovuto rassicurare i ragazzi, aiutarli a superare i loro pre-giudizi. Saremo idealisti e pericolosi visionari, ma continuiamo il nostro impegno per costruire una società dove mettere in dubbio la possibilità che tutti i bambini e ragazzi con disabilità vadano in gita con i compagni sia considerata semplicemente un’assurdità. Come in effetti è»

Troppi malintesi, troppe “dimenticanze”

Troppi malintesi, troppe “dimenticanze”

Malintesi, equivoci, difetti di comunicazione: diamo pure per buone le spiegazioni per quanto accaduto in questi giorni a Livorno e a Pozzilli (Isernia), dove due ragazzi con autismo delle scuole medie sono stati “dimenticati” dalla loro classe, al momento di andare in gita scolastica e accettiamo – quando arrivano – le scuse dei Dirigenti. Con la consapevolezza però, da parte di tutti, che in casi come questi si sta violando una Legge dello Stato, discriminando una persona e trattandola diversamente dai coetanei

Titolari di tutti i diritti umani

I responsabili delle Federazioni e delle Associazioni di persone con disabilità a colloquio con il presidente della Repubblica Mattarella e con la ministra della Salute Lorenzin, in occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Disabilità Intellettiva del 30 marzo

«Tutte le persone con disabilità, intellettive, motorie e sensoriali, sono titolari, a pieno titolo, di tutti i diritti umani e di tutti i diritti di cittadinanza al pari di ogni altro cittadino»: lo ha ribadito con forza Vincenzo Falabella, presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), nel suo messaggio rivolto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Disabilità Intellettiva

120 milioni “a babbo morto”*

Era Mario Monti, il presidente del Consiglio in carica, quando, alla fine del 2012, venne prodotta la Legge di Stabilità per il 2013 che fissò di destinare 120 milioni in tre anni al Fondo per le Non Autosufficienze, derivanti da altri 450.000 controlli sui "falsi invalidi"

«Lo diceva chiaro e tondo la Legge di Stabilità per il 2013 – scrive Carlo Giacobini -: quei 40 milioni di euro all’anno derivanti da 450.000 controlli sui “falsi invalidi”, spettano al Fondo per le Non Autosufficienze. Devono tornare alle persone con disabilità non solo perché l’ha promesso il Legislatore, ma anche come forma di tardiva compensazione morale ai disagi e allo stigma che a causa di quei controlli migliaia di vere persone con disabilità hanno patito. Sempre che ci siano per davvero… O che non sia stato tutto uno scherzo…»

Dopo di noi: l’occasione perduta

Dopo di noi: l’occasione perduta

«La legge che sta per essere approvata, sul “dopo di noi” delle persone con disabilità – scrive Carlo Giacobini -, nasce già come “ultrasettoriale” e non arriva nemmeno a ipotizzare che quell’isolamento e quel rischio di abbandono delle persone debbano trovare risposta in una serie articolata di servizi e di supporti, non certo costruendo nuove residenze, magari umanizzate, ma pur sempre lontane da progetti di vita davvero inclusivi»

Discriminati anche nell’approccio storico

«Fa riflettere – scrive Silvia Cutrera, in occasione del Giorno della Memoria di oggi, 27 gennaio – la mancanza di un adeguato appellativo per definire lo sterminio di centinaia di migliaia di persone con disabilità durante il nazismo. Questo fatto rimanda segnatamente all’assenza di una Memoria che è nostro dovere e nostro impegno rafforzare sempre di più, soprattutto perché le vittime con disabilità subiscono una discriminazione anche nell’approccio storico e nelle risorse date allo studio del tema»

Una pacca sulle spalle ai caregiver familiari

«Con forte delusione – scrive Carlo Giacobini – leggiamo la Proposta di Legge il cui unico merito è quello di essere la prima a ventilare “Disposizioni per il riconoscimento e il sostegno dell’attività di cura e di assistenza”, lasciando però molto a desiderare quanto a sostanza ed effetti pratici. Si tratta infatti di una Proposta a dir poco deludente e da bocciare sonoramente, nella quale il refrain della “volontarietà” e della “gratuita” ripercorre tutto il testo»

Unioni civili e disabilità: discriminazione vs discriminazione?

«Il dibattito in corso sulle unioni civili – scrive Carlo Giacobini – sta completamente rimuovendo l’ipotesi che uno dei partner sia una persona con disabilità, con ciò che ne deriva in termini di potenziale accesso a benefìci, sostegni, supporti». E aggiunge: «La stessa discriminazione che fino ad oggi colpisce gli omosessuali la subiscono da decenni, con altre declinazioni, anche le persone con disabilità. Ma per queste ultime non sembra profilarsi soluzione alcuna. Anzi, il tema non sembra essere nelle agende politiche né all’orizzonte»

Battibecco alla Camera sull’ISEE, ma mai parlando di diritti

«Un tema rilevante come quello dell’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) meritava di essere affrontato prima di adesso, con altre premesse, strumenti e proposte, e non con un battibecco alla Camera, che ha relegato la disabilità a occasione di mero scontro politico». Lo scrive Carlo Giacobini, aggiungendo che «forse prima ancora sarebbe opportuno intervenire sulle risorse e sulle politiche stesse per la disabilità. Con il timone dei diritti, non certo con quello del “bisogno” e della “beneficenza”»

La barbarie e la civiltà

«È difficile anche solo commentare – scrive Stefano Borgato – la notizia che il sedicente stato islamico dell’ISIS avrebbe ordinato di uccidere tutti i neonati con sindrome di Down, malformazioni congenite o altre disabilità riscontrabili fin dalla nascita. Se fosse confermato, si tratterebbe di barbarie su barbarie, da parte di chi ha dichiarato guerra alla civiltà, mietendo migliaia e migliaia di vittime innocenti. Anche di fronte a ciò, tuttavia, non bisogna mai dimenticare che pure nella civilissima Europa occidentale di questi anni sono state diffuse idee quanto meno pericolose…»

Niente accomodamenti ragionevoli sulla nostra dignità

«Siamo consapevoli del nostro essere cittadini portatori di diritti e di doveri, ma anche ben consci del nostro orgoglio e della nostra dignità su cui non facciamo sconti a nessuno e su cui non vi sono accomodamenti ragionevoli. Né oggi, né mai»: così Vincenzo Falabella, presidente della FISH, conclude le riflessioni elaborate a margine della celebrazione di oggi, 3 Dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, a Palazzo Montecitorio, rivolgendosi al Presidente della Repubblica e a quelli di Senato e Camera

Quant’è bella la tecnologia usata bene!

Sono indubbi i vantaggi economici e le potenzialità offerte da un “seminario in rete” (“webinar”), e sapere che tale modalità può consentire a tante persone con disabilità anche gravi di rivolgersi a chiunque, parlando da casa propria di diritti e nuova cultura, fa pensare che usando bene le nuove tecnologie, tutto (o quasi) sia davvero possibile!

Pian piano si va avanti (almeno sui cani guida)

Quattro anni fa, a dispetto di Leggi dello Stato ormai “storiche”, un Dirigente Scolastico aveva negato a un’alunna con disabilità visiva il permesso ad entrare nell’istituto con il proprio cane guida. Qualche settimana fa, invece, tutt’altro scenario in un’altra scuola, dove uno dei nuovi “alunni” in classe è proprio il cane guida di una ragazza ipovedente. E a Belluno la Procura verifica la legittimità del divieto ai cani guida di accedere alla scala mobile che porta al centro della città…

Migranti e disabilità, tra “bufale” e pregiudizi

«È una vera e propria corbelleria – scrive Carlo Giacobini – sostenere che i migranti (clandestini) arrivino in Italia a bordo di un barcone, si spaccino per invalidi, ottengano la pensione di invalidità e l’indennità accompagnamento e se ne tornino bel belli in Patria, sottraendo migliaia di milioni ai “poveri invalidi italiani” e all’erario. E invece in Italia le provvidenze economiche per invalidità civile non sono riconosciute a chi è in attesa di permesso di soggiorno, neanche se per motivi umanitari»

Cittadini che rinunciano a votare

In tempi di crescente astensionismo alle varie tornate elettorali, politiche e amministrative, succede che qualcuno motivi pubblicamente la propria “non scelta” – come hanno fatto alcuni Cittadini con disabilità di Gravina in Puglia – e ciò dovrebbe far riflettere non poco, soprattutto coloro che continuano a ignorare i diritti e le esigenze delle cosiddette “fasce deboli” della nostra società