In canoa sul Reno

Sarà una bella giornata di sport quella dell’11 aprile al Lido di Casalecchio di Reno, presso Bologna, ove un’importante gara regionale della Federazione Italiana Canoa Kayak coinciderà con il Terzo Campionato Italiano di Canoa Slalom per atleti con disabilità del Comitato Italiano Paralimpico. Una specialità – la canoa slalom – che punta a diventare disciplina ufficiale alle prossime Paralimpiadi di Londra del 2012

Luciana Bonaiuti, non vedente, campionessa italiana CIP di canoa slalomCompetizione sportiva, sviluppo turistico, impegno sociale, energia rinnovabile e tanto divertimento. Questi i temi al centro del Terzo Campionato Italiano di Canoa Slalom del Comitato Italiano Paralimpico (CIP), coincidente con la Ventunesima Gara Regionale FICK (Federazione Italiana Canoa Kayak) della medesima disciplina, che assegnerà, quest’ultima, il Settimo Trofeo Coppa ENEL 2010. Le competizioni si svolgeranno domenica 11 aprile al Lido di Casalecchio di Reno (Via Venezia), presso Bologna.
«A Casalecchio – ha dichiarato il presidente del CIP Emilia Romagna Gianni Scotti – gareggeranno dunque anche i nostri atleti con disabilità. Infatti, le caratteristiche del fiume e delle rive e il supporto del Canoa Club Bologna consentono di disputare in questa grande giornata di canoa anche il Terzo Campionato Italiano Assoluto di Canoa Slalom, specialità candidata a diventare disciplina ufficiale alle prossime Paralimpiadi di Londra 2012».
Da notare che sono stati venti gli atleti – appartenenti a nove diverse società – a contendersi nel 2009 il Secondo Campionato Italiano, provenendo, oltre che dall’Emilia Romagna, dal Veneto, dal Lazio, dalla Lombardia e dalla Toscana.

La manifestazione è organizzata dal Canoa Club Bologna, in collaborazione con Enel, ed è patrocinata dalla Provincia di Bologna, dai Comuni di Casalecchio di Reno e di Bologna, dall’UISP Provinciale (Unione Italiana Sport per Tutti), dal CONI Regionale e Provinciale e dal già citato CIP.
La gara si svolgerà su un tratto di fiume di duecento metri, con un percorso indicato da diciotto porte direzionali che gli atleti devono superare in sequenza numerica e senza toccare le paline. Le porte biancoverdi si superano in discesa, quelle biancorosse in risalita. Per aggiudicarsi la gara i partecipanti – oltre a tenere sotto controllo il cronometro – non devono subire penalità. Due le manche previste, delle quali si sceglie la migliore. Le imbarcazioni sono il kayak monoposto e la canadese mono e biposto.
«Ringrazio il Canoa Club Bologna, il Comitato Italiano Paralimpico ed Enel – ha sottolineato dal canto suo Simone Gamberini, sindaco di Casalecchio di Reno – per la realizzazione di questa manifestazione, cresciuta sempre di più di anno in anno, all’insegna dello sport pulito, educativo e avvincente, che richiama sulle rive del nostro fiume Reno centinaia tra atleti, tifosi e accompagnatori. Un benvenuto sincero a tutti e in bocca al lupo ai tanti canoisti in gara». (Ilaria Fazi)

Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa CIP Emilia Romagna, tel. 380 7527657, ciper.comunica@gmail.com.
Stampa questo articolo