Gli obiettivi del CIP Veneto

Forte di un nuovo gruppo di lavoro e del nuovo presidente Ruggero Vilnai, il CIP Veneto (Comitato Italiano Paralimpico) presenterà il 23 marzo a Vicenza i propri progetti per il prossimo quadriennio, in vista anche di una futura fusione con il CONI, «affinché quest’ultimo – come sottolinea lo stesso Vilnai – diventi la “casa di tutti gli sportivi”, senza più distinzioni fra olimpici e paralimpici»

Ruggero Vilnai

Ruggero Vilnai, nuovo Presidente del CIP Veneto (Comitato Italiano Paralimpico)

Verrà ufficialmente presentato sabato 23 marzo a Vicenza (Sala Trissino della Fiera di Vicenza, ore 11.30), il nuovo gruppo di lavoro del Comitato Regionale del CIP Veneto (Comitato Italiano Paralimpico), all’interno della manifestazione Gitando.all, della quale ci siamo ampiamente occupati, in altra parte del nostro giornale. Nel gennaio scorso, infatti, l’organizzazione ha nominato un nuovo presidente, Ruggero Vilnai, che è succeduto a Claudio Carta.

Come si legge in un comunicato, «punto centrale del programma del nuovo Presidente, per i prossimi quattro anni, sarà quello di migliorare i rapporti e la sinergia con il CONI Veneto e le varie Federazioni, in previsione soprattutto di una futura fusione tra CONI e CIP».
«Sarà fondamentale – ha spiegato in tal senso lo stesso Vilnai – intensificare i rapporti con tutte le Federazioni e mettere a punto con loro dei meccanismi di reciproco rispetto e condivisione progettuale, al fine di poter creare sinergie utili ad arrivare, come previsto dal nostro progetto nazionale, alla chiusura del CIP e al passaggio e all’accoglimento delle nostre attività all’interno di quelle gestite dalle Federazioni stesse, affinché il CONI diventi la “casa di tutti gli sportivi”, senza più distinzioni fra olimpici e paralimpici».
Sempre in vista del prossimo quadriennio, poi, si punterà a potenziare l’attività di promozione e avviamento alla pratica sportiva, soprattutto nelle scuole, nelle Unità Spinali e nei Centri di Riabilitazione.
E infine, vero e proprio slogan del nuovo Presidente, si vogliono “formare i formatori”, ovvero curare maggiormente l’aspetto formativo di coloro che operano dentro e fuori del “mondo CIP” (dirigenti, allenatori, genitori ecc.). «Questi ultimi – conclude Vilnai – dovranno essere aiutati con incontri, corsi, seminari, assistenza tecnica-organizzativa e quant’altro, per essere sempre più preparati: in particolare, alla luce del cambiamento epocale che subirà la nostra struttura organizzativa, dovremo aiutare gli operatori del mondo sportivo non paralimpico a conoscerci e a collaborare con noi».

A Vicenza, in occasione dell’incontro del 23 marzo, saranno presenti anche alcuni noti atleti, protagonisti alle Paralimpiadi di Londra dello scorso anno (Oscar De Pellegrin, Alvise De Vidi, Alex Zanardi e Valeria Zorzetto), oltre al presidente del CONI Veneto Gianfranco Bardelle. (S.B.)

Ringraziamo Enrico Agosti per la segnalazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: veneto@comitatoparalimpico.it.

Stampa questo articolo