Lo sport e la disabilità intellettivo-relazionale

“Moderne metodologie nella didattica dello sport adattato alla disabilità intellettiva-relazionale”: è questo il tema al centro del convegno di oggi, 19 maggio, presso il Centro Don Orione di Ercolano (Napoli), appuntamento al quale è prevista la partecipazione di numerosi autorevoli ospiti, tutte personalità provenienti dal settore della Didattica Sportiva e dell’Educazione

Rafaél “Rafa” Benítez

Anche l’allenatore del Napoli Calcio Rafaél “Rafa” Benítez è tra i relatori del convegno di Ercolano

È in corso a Ercolano (Napoli), oggi, 19 maggio, presso il teatro del locale Centro Don Orione, e si protrarrà per tutta la giornata, il convegno intitolato Moderne metodologie nella didattica dello sport adattato alla disabilità intellettivo-relazionale. La preparazione integrata dalla scuola alla pratica sportiva, appuntamento che, come sottolineano gli organizzatori, «parte da una terra martoriata, troppo spesso sulle cronache per le mancanze e le devianze, all’insegna di una “nuova” sfida verso la “socialità inclusiva”, che parte appunto da questo convegno».

Molti gli autorevoli ospiti dell’incontro, tutte personalità del campo della Didattica Sportiva e dell’Educazione, che hanno voluto partecipare a un tavolo di confronto promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale della Campania, affiancato dal Centro Don Orione, in un progetto di espansione delle conoscenze in tema di disabilità intellettiva e/o relazionale.
Nel dettaglio, durante i cinque “laboratori-officina” (workshop) della mattinata, sono previsti interventi basati su esperienze nel campo della psicologia, della classificazione motoria, della valutazione funzionale e della metodologia sportiva, con l’intervento di Massimo Magnani, tecnico della Nazionale di Atletica Leggera, Alfonso De Nicola, medico sociale del Napoli Calcio, Filippo Gomez Paloma, docente all’Università di Salerno-Fisciano, Enrico Zazzaro, tecnico della Nazionale di Calcio a 5 FISDIR (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale) e Marco Ammendola, psicoterapeuta.
In tale sede si potranno verificare “sul campo” tecniche operative volte all’analisi e al potenziamento delle capacità residue di persone con patologie cognitive.
Nel pomeriggio, poi, è in programma un seminario cui prenderanno parte il già citato Alfonso De Nicola, che si soffermerà sull’utilizzo delle teorie riguardanti il sistema neuronale Mirror, Mario Renzulli, tecnico della Nazionale di Scherma, Rafaél “Rafa” Benítez, allenatore del Napoli Calcio, Luisa Franzese, dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania, Marco Borzacchini, presidente nazionale della FISDIR (Federazione Sport Disabilità Intellettivo-Relazionale) e i deputati Luisa Bossa, membro della Commissione Parlamentare Istruzione e Cultura e Marcello Di Caterina, presidente del Montecitorio Running Club.
A fare gli onori di casa sarà don Alberto Alfarano, direttore del Centro Don Orione di Ercolano.

«Sportivamente abile – dichiarano ancora i promotori del convegno – è il denominatore comune che ha legato per tre anni tutte le scuole del comprensorio sorrentino al Centro Don Orione, in un percorso di valutazione condiviso (capofila il Liceo Artistico Grandi) ed è il logo che sovraintende l’operatività del Centro stesso verso uno sport inclusivo che, attraverso questi momenti, si spera possa essere affermato da Ercolano e dalla Provincia di Napoli». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
sportivamenteabiledonorione@gmail.com.

Stampa questo articolo