Nuova versione per il software “ImparaBraille”

Programma pensato principalmente per tutti coloro che vogliano avvicinarsi al codice braille usato da chi non vede (genitori, insegnanti di sostegno, compagni di classe), “ImparaBraille” è una realizzazione della Fondazione Lucia Guderzo di Loreggia (Padova) e la sua nuova versione verrà appunto presentata il 21 febbraio, in occasione della Giornata Nazionale del Braille

Libro in Braille

Lettura di un libro in Braille

La Fondazione Lucia Guderzo di Loreggia (Padova) celebrerà il 21 febbraio la Giornata Nazionale del Braille, presentando la nuova versione del software ImparaBraille, distribuito gratuitamente e scaricabile dal sito della Fondazione stessa. «Si tratta – spiega il presidente di quest’ultima Davide Cervellin – di un programma pensato per tutti coloro che vogliano avvicinarsi al codice braille usato da chi non vede: genitori, insegnanti di sostegno, compagni di classe. Attraverso semplici lezioni ed esercizi intuitivi di lettura e scrittura, è possibile scoprire questo fondamentale strumento per l’autonomia dei ciechi, che va ad affiancarsi al noto WinLucy, sempre sviluppato dalla nostra Fondazione, che rende il personal computer accessibile proprio grazie al braille (e anche alla sintesi vocale e all’ingrandimento)».

Sempre riguardo allo stesso tema, inoltre, la Fondazione Guderzo invita per l’estate prossima chiunque voglia approfondirlo o esercitarsi ulteriormente, a trascorrere una settimana tra le montagne di Castello Tesino, in provincia di Trento, ove operatori preparati e personale volontario accoglieranno in un’atmosfera serena e sicura i bambini ciechi della scuola primaria, assieme a chi vorrà partecipare a una serie di attività di studio e svago: uso del bastone, mobilità e orientamento, passeggiate, impiego degli ausili tecnologici, giochi all’aperto, informatica, autonomia personale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@fondazioneluciaguderzo.it.

Stampa questo articolo