Visio-Napoli

Si chiama così il nuovo progetto della Rappresentanza di Sant’Anastasia dell’UICI Provinciale di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), iniziativa voluta per favorire l’autonomia e la mobilità delle persone con disabilità visiva, attraverso visite guidate con cadenza mensile presso musei, chiese e altri luoghi di interesse culturali presenti nel capoluogo campano. Un’esperienza, per altro, che punta non solo alla conoscenza della propria città, ma anche all’accesso alle normali attività della vita quotidiana

Napoli, Certosa di San Martino

Anche la Certosa diSan Martino a Napoli sarà compresa tra i luoghi scelti per il Progetto “Visio-Napoli”

Si chiama Visio-Napoli il nuovo progetto della Rappresentanza di Sant’Anastasia dell’UICI Provinciale di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), iniziativa voluta per favorire l’autonomia e la mobilità delle persone con disabilità visiva, attraverso visite guidate con cadenza mensile presso musei, chiese e altri luoghi di interesse culturali presenti nel capoluogo campano. «Un’esperienza – viene sottolineato dai promotori – che punta non solo alla conoscenza della propria città, ma anche all’accesso alle normali attività della vita quotidiana».
Tra le tantissime possibilità in tal senso offerte dalla città di Napoli, l’UICI ha deciso di scegliere una serie di luoghi che possano garantire maggiore accessibilità alle persone con disabilità visiva, quali Castel Sant’Elmo, le Catacombe di San Gennaro, l’Orto Botanico, la Cappella di San Severo, il Duomo di Napoli, il Museo e la Certosa di San Martino, le Catacombe di San Gaudioso. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uici.anastasia@gmail.com.

Stampa questo articolo