I centauri con disabilità alla “200 Miglia del Mugello”

Il 31 ottobre e il 1° novembre si chiuderà in bellezza, alla “200 Miglia del Mugello”, l’intensa ed emozionante stagione dei motociclisti con disabilità del Team Di.Di., sempre animati dal motto “Never Give Up” (“Mai arrendersi!”), che li ha visti migliorarsi giorno dopo giorno, fino a raggiungere nelle gare più recenti riscontri cronometrici decisamente sorprendenti, spesso in linea con quelli dei piloti “normodotati”

Manifesto con i piloti Di.Di. alla "200 Miglia del Mugello", 31 ottobre-1° novembre 2015È stata decisamente una stagione agonistica intensa, quella del Team Di.Di., composto da piloti con disabilità (artolesi, portatori di protesi o con altre disabilità), e nato insieme all’Associazione Di.Di. – Diversamente Disabili. Ma dopo la Bridgestone Champions Challenge, che ha visto i piloti Di.Di. protagonisti insieme ai “normodotati”, e la Dream World Bridgestone Cup, prima serie di gare al mondo riservate esclusivamente a centauri con disabilità, sarà decisamente intensa anche l’ultima sfida dell’anno, vale a dire la 200 Miglia del Mugello, in programma sabato 31 ottobre (qualificazioni) e domenica 1° novembre (warm up e gara).
«Questa è la nostra quarta partecipazione alla kermesse endurance del Mugello – spiega Emiliano Malagoli, pilota amputato alla gamba destra, fondatore e presidente dell’Associazione Di.Di – un appuntamento a cui siamo profondamente legati. Tutta la nostra avventura, infatti, nacque esattamente qui, quattro anni fa. All’epoca eravamo solo in due, mentre oggi siamo più di trenta piloti a partecipare agli eventi organizzati dalla Di.Di. Possiamo anche vantare il primato riguardante l’organizzazione di un evento internazionale riservato ai piloti con disabilità, ciò che ha coronato quello che solo quattro anni fa sembrava un sogno impossibile. Il successo delle nostre iniziative ci ha regalato la carica per portare avanti questo progetto e dimostrare sempre di più che la disabilità non è un ostacolo invalicabile».

Giunta alla sua settima edizione e organizzata dalla Promo Racing, la manifestazione sul circuito toscano è giunta alla sua settima edizione, che vedrà al via più di trenta equipaggi. E come sempre, la partenza “stile Le Mans”, con i piloti schierati in pista di fronte alla propria moto, regalerà al pubblico grandissime emozioni.
Il Team Di.Di., che si schiererà nella classe 1000 cc, punterà tutto su un tris di piloti che durante questa stagione hanno impressionato per le loro performance: Fabio Tagliabue, vincitore del Di.Di. Trophy 2015, in sella a una BMW1000RR, Daniele Barbero, vincitore assoluto della Dream World Bridgestone Cup 2015 con la sua Suzuki GSXR1000 e il citato Emiliano Malagoli, con il suo Ducati 848 livrea Althea Racing. I piloti condivideranno il box con un grande equipaggio, quello composto da Dario Marchetti, Manuel Poggiali e Luca Bono su Ducati Panigale, tre campionissimi vicini all’Associazione Di.Di. sin dagli esordi.

Animati dal motto del gruppo (Never Give Up, ovvero “Mai arrendersi!”), i centauri Di.Di. si sono migliorati giorno dopo giorno, fino a raggiungere prestazioni di tutto rispetto proprio sul tracciato del Mugello, come hanno ben dimostrato i sorprendenti riscontri cronometrici registrati in occasione della tappa di fine agosto della Di.Di. Bridgestone Cup, durante la quale i tempi sono stati spesso in linea con quelli dei piloti “normodotati”, su uno dei circuiti più duri del panorama internazionale. (C.V. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Comunicazione Associazione Di.Di. – Diversamente Disabili (Chiara Valentini), ufficiostampa@diversamentedisabili.it; chiaradidue@gmail.com.

Stampa questo articolo