La ripartizione dei fondi per l’inclusione in Toscana

Tramite una Delibera di recepimento e di riparto, prodotta nei giorni scorsi, la Regione Toscana ha distribuito alle varie Province e alla Città Metropolitana di Firenze la propria parte dei fondi alle Regioni, destinati dal Decreto del Presidente del Consiglio approvato il 30 agosto scorso, e da utilizzare per l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali, oltreché per i servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione riguardante gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio

Bimbo con disabilità entra a scuolaAveva fatto discutere, come avevamo a suo tempo riferito, la ripartizione tra le Regioni (fissata dal Decreto del Presidente del Consiglio del 30 agosto scorso), di quei 70 milioni destinati all’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali, e i servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio.
Qui segnaliamo quanto ci ci comunica Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli di Peccioli (Pisa), in riferimento alla Toscana, alla quale sono andati esattamente 3.694.386,18 euro, somma ora fruibile, dopo la Delibera di recepimento e di riparto, prodotta il 2 novembre dalla Regione (DGRT 1064/2016).
Questa la divisione tra le Province e la Città Metropolitana di Firenze: Arezzo 374.394,35 euro; Firenze 806.758,16; Grosseto 226.150,45; Livorno 379.240,64 euro; Lucca 338.736,99; Massa Carrara 171.561,64; Pisa 339.157,24; Pistoia 512.884,24; Prato 257.440,12; Siena 288.061,35.
Sempre Informare un’H ricorda anche che la Regione Toscana, nello scorso mese di aprile, aveva stabilito, tramite un’altra Delibera (DGRT 361/2016), di destinare l’importo complessivo di un milione e mezzo di euro, per interventi di inclusione scolastica degli studenti con disabilità iscritti alle scuole secondarie di secondo grado, relativi al trasporto scolastico e all’assistenza socio-educativa per l’anno scolastico 2016-2017. (S.B.)

Stampa questo articolo