L’AIPD e l’inclusione scolastica: quei testi sono migliorati

È un giudizio complessivamente favorevole quello dell’Osservatorio Scolastico dell’AIPD Nazionale (Associazione Italiana Persone Down), sui Decreti Attuativi della Legge 107/15 (“La Buona Scuola”), approvati dal Consiglio dei Ministri, a partire da quello sull’inclusione degli alunni con disabilità. «Dall’inaccettabile stesura iniziale di metà gennaio – viene infatti sottolineato dall’AIPD – sembra ora che i testi approvati abbiano recepito i pareri delle Commissioni Parlamentari presso le quali le Federazioni FISH e FAND hanno fatto in questi mesi un grande lavoro di confronto e pressione»

Un laboratorio scolastico cui partecipa un alunno con disabilità«Dall’inaccettabile stesura iniziale di metà gennaio, sembra ora che i testi approvati abbiano recepito i pareri delle Commissioni Parlamentari presso le quali la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – di cui la nostra Associazione è Socio Fondatore – e la FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità) hanno fatto in questi mesi un grande lavoro di confronto e pressione, affinché fossero innanzitutto eliminati i passi indietro rispetto all’attuale normativa sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, prevedendo inoltre le migliorie tanto auspicate e già indicate nel 2014 dalla Proposta di Legge n. 2444 delle stesse FISH e FAND».
Così l’Osservatorio Scolastico dell’AIPD Nazionale (Associazione Italiana Persone Down) commenta in una nota i Decreti Attuativi della Legge 107/15 (cosiddetta La Buona Scuola), approvati definitivamente nei giorni scorsi dal Consiglio dei Ministri, a partire da quello sull’inclusione degli alunni e studenti con disabilità.

«A giudicare infatti dal comunicato stampa diffuso dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca – aggiungono dall’AIPD – e dalle schede di approfondimento ad esso allegate, riteniamo che gli emanandi Decreti meritino da parte nostra un giudizio complessivamente favorevole, con la riserva, tuttavia, di confermarlo, non appena si avrà la pubblicazione dei testi in Gazzetta Ufficiale». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: osservscuola.legale@aipd.it.

Stampa questo articolo