Studenti con disabilità: almeno quella data venga rispettata!

«Nemmeno quest’anno – è l’amara constatazione di Salvatrice Cilia, presidente di Pro Diritti H, il Coordinamento Provinciale di Ragusa delle Associazioni che operano per la tutela delle persone con disabilità – i ragazzi con disabilità del nostro territorio possono incominciare la scuola come gli altri, a causa di una serie di ritardi della Regione, nell’assegnazione dei servizi necessari». «A questo punto – dichiara – auspichiamo che la procedura dell’affidamento dei servizi si svolga regolarmente per lo meno entro la data indicata del 18 settembre»

Particolare di alunno con disabilità in aula scolastica«Prendiamo atto che gli uffici della nostra Provincia hanno ben lavorato e sarebbero stati  pronti per il normale avvio dei servizi, se gli incontri regionali fossero stati calendarizzati in tempo utile per espletare tutti gli adempimenti tecnici propedeutici all’avvio dei servizi stessi. A questo punto auspichiamo che la procedura dell’affidamento dei servizi si svolga regolarmente e nel più breve tempo possibile per poterli fare partire alla data prevista del 18 settembre».
Così si esprime in una nota Salvatrice Cilia, presidente di Pro Diritti H, il Coordinamento Provinciale di Ragusa delle Associazioni che operano per la tutela delle persone con disabilità, a proposito dell’avvio dell’anno scolastico per gli alunni con disabilità del proprio territorio.
Nel corso, infatti, di un incontro avuto con il dirigente della Provincia di Ragusa Raffaele Falconieri, la stessa Cilia ha appreso che quasi certamente i servizi di trasporto e di assistenza rivolti alle persone con disabilità frequentanti gli istituti di istruzione superiore della Provincia non potranno essere avviati prima del 18 settembre, a causa del ritardo negli incontri alla Regione, indispensabili per la definizione delle assegnazioni di fondi, e al conseguente ritardo nell’impegno al trasferimento dei fondi stessi.
Da qui, l’auspicio espresso dalla Presidente di Pro Diritti H, che almeno quella data venga rispettata, pur con l’amara consapevolezza che nemmeno quest’anno a tutti gli studenti verrà immediatamente garantito il diritto all’istruzione. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: proh.ragusa@gmail.com.

Stampa questo articolo