Le tante vacanze accessibili della UILDM

Dalla Sicilia alla Sardegna, dalla Campania al Piemonte, dalla Liguria alla Toscana, sono numerose le proposte di vacanze accessibili che arrivano ogni anno dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), perché «quello al divertimento e alla vacanza – come sottolinea il presidente nazionale dell’Associazione Marco Rasconi – è un diritto di tutti, senza nessuna distinzione ed è anche l’occasione per sperimentare l’indipendenza, lontano dal contesto familiare, oltre ad offrire alle famiglie un’opportunità di sollievo dall’intenso lavoro di cura che le coinvolge quotidianamente»

UILDM Mazara del Vallo (Trapani), "Mare senza barriere"

Vacanze accessibili a Mazara del Vallo (Trapani), grazie al Progetto “Mare senza barriere” della UILDM locale

«Quello al divertimento e alla vacanza è un diritto di tutti, senza nessuna distinzione. Già dagli Anni Settanta, attraverso le nostre Sezioni, garantiamo le vacanze a varie centinaia di persone con disabilità ogni anno. Riuscire a regalare ai nostri Soci un soggiorno estivo è importante non solo per il divertimento che lo caratterizza, ma anche perché è l’occasione per sperimentare l’indipendenza, lontano dal contesto familiare, per fare amicizia, passare del tempo insieme e migliorare la qualità della propria vita. Inoltre per le famiglie si tratta di una opportunità di sollievo dall’intenso lavoro di cura che li coinvolge quotidianamente».
A dirlo è Marco Rasconi, presidente nazionale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), ricordando che la propria Associazione – presente in Italia con 66 Sezioni e circa 3.000 volontari distribuiti in 16 Regioni – organizza campi vacanze per i propri Soci e per le persone con disabilità in varie città, grazie all’impegno dei volontari stessi e alla collaborazione delle Amministrazioni Comunali e delle popolazioni locali.

Tra le tante iniziative, dunque, proposte dalle Sezioni UILDM, segnaliamo innanzitutto il Mare senza barriere di Mazara del Vallo (Trapani), del quale il nostro giornale ha già avuto più volte occasione di occuparsi. Qui, grazie alla UILDM locale, per il quinto anno consecutivo torna questo progetto rivolto alle persone con disabilità motoria, che permette loro l’accesso libero e agevole alle spiagge e al mare incontaminato della Sicilia occidentale.
Il litorale attrezzato si trova al Lido Monnalisa Beach, in località Tre Fontane (Viale Nicolò Gentile, 51, Campobello di Mazara), in un incantevole tratto di spiaggia, a pochi chilometri dal Parco Archeologico più grande d’Europa, quello di Selinunte-Cave di Cusa.
A disposizione dei turisti vi sono pedane antiscivolo per l’accesso al mare, ombrelloni, cabine docce adeguate e accessibili, sedie sdraio, sedie Sand & Sea che permettono di entrare in acqua e fare il bagno e, da quest’anno, anche un sollevatore elettrico.

In Campania, poi, la collaborazione tra la UILDM di Arzano (Napoli) e le realtà locali ha dato il via al progetto Vai al mare con UILDM, con la dotazione in alcune spiagge delle Isole di Ischia e Procida e del litorale campano (Marina di Varcaturo) di sedie JOB per permettere alle persone con disabilità di fare bagni al mare in completo relax.

Anche della Casa Vacanze per Disabili di Platamona, bella località balneare sarda, a dieci chilometri da Sassari, il nostro giornale si è già occupato in passato. Nata per cura della UILDM di Sassari, grazie alla collaborazione con l’Amministrazione Comunale locale, la struttura offre dal 2005 la possibilità di passare un periodo di vacanza senbza barriere architettoniche e vicino a una spiaggia attrezzata, in un’area balneare completamente accessibile.
Gestita direttamente dalla stessa UILDM di Sassari, la Casa è stata recentemente oggetto di lavori di ampliamento e ristrutturazione per renderla ancora più confortevole e accessibile.

Salendo poi in Piemonte, si scopre quanto offre, ormai da alcuni anni, la UILDM di Omegna (Verbano-Cusio-Ossola), ovvero un periodo di ospitalità gratuita in una struttura scolastica, di proprietà del Comune, sul Lago d’Orta.
Sono circa quindici le persone con disabilità che possono accedervi, con i loro accompagnatori, giacché sono disponibili quattro camere da letto, una sala TV, servizi igienici con doccia e un ampio locale ad uso cucina accessoriato. Nelle immediate vicinanze c’è il lido, con piscine accessibili alle carrozzine, sia all’aperto che interne. Una pista pedonale e ciclabile, inoltre, collega la struttura al centro di Omegna, dove in particolare nel mese di agosto si organizzano molti eventi.
Durante il periodo estivo la UILDM organizza infine corsi e uscite in barca a vela attrezzata per persone con disabilità.

E ancora, in Liguria, la UILDM di Genova da più di quarant’anni organizza per i propri Soci un soggiorno estivo dapprima a Bordighera (Imperia), ora a Santa Margherita Ligure (Genova), mentre da quindici anni la Sezione di Milano offre ai giovani con disabilità neuromuscolare un campo vacanze a Venturina Terme (Livorno), presso la Scuola Media Carducci, messa a disposizione dal Comune di Campiglia Marittima (Livorno).
Dal canto suo, la UILDM di Torino organizza da oltre vent’anni una vacanza al villaggio turistico Le Terrazze di Grottammare (Ascoli Piceno), nelle Marche, dove una pedana arriva fino al mare e sono a disposizione una sedia JOB e una sedia Tiralò, con tre ruote, per fare il bagno.
Vacanze inclusive e autogestite sono anche quelle organizzate dalla UILDM di Legnano (Milano) nella Casa Vacanze della UILDM Versilia a Marina di Pietrasanta (Lucca), una ex scuola elementare di Focette, trasformata negli anni in una vera e propria struttura adatta a ospitare gruppi di persone con disabilità, non solo nel periodo estivo.
E per concludere, l’iniziativa della UILDM di Como, che organizza per gruppi di venticinque-trenta persone due soggiorni: uno per gli adulti a Marina di Bibbona (Livorno), l’altro per i giovani a Bormio (Sondrio). (A.I. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Alessandra Irace (irace@secrp.com).

Stampa questo articolo