“Panormus KIT”, per un turismo accessibile a tutti

È in corso a Palermo, nella mattinata di oggi, 26 ottobre, la tavola rotonda “Palermo a portata di clic”, iniziativa utile all’ARIS (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani) per presentare i risultati del progetto “Panormus KIT”, ove “KIT” sta per “Keep Inclusive Tourism” (più o meno “Rendere inclusivo il turismo”), iniziativa voluta con un principale obiettivo, quello cioè di rendere realmente accessibile il turismo nel capoluogo siciliano, persone con e senza disabilità

Locandina del workshop di Palermo del 26 ottobre 2018, "Palermo a portata di clic"Proprio mentre scriviamo, nella mattinata di oggi, 26 ottobre, è in corso a Palermo la tavola rotonda denominata Palermo a portata di clic, che sarà chiusa dal sindaco della città Leoluca Orlando. L’iniziativa sarà utile all’ARIS (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani) per presentare i risultati del progetto Panormus KIT, ove KIT sta per Keep Inclusive Tourism (più o meno “Rendere inclusivo il turismo”).

«Abbiamo portato avanti con impegno questo progetto – spiegano dall’ARIS -, grazie al sostegno e alla collaborazione del Comune di Palermo, promuovendo alcuni siti monumentali della nostra città all’insegno di un obiettivo cardine: rendere il turismo accessibile a tutti, un “tutti” che vuole includere anche chi non presenta disabilità alcuna, in quanto non si può pensare all’inclusione e all’accessibilità strutturando poi dei percorsi “esclusivi”, ghettizzanti. E quindi riproduzioni tattili, pannelli tattili e retroilluminati dai materiali innovativi, riproduzioni in 3D, materiali informativi in sei diverse lingue e in Braille, e una app quale veicolo di informazioni in più formati (LIS-Lingua dei Segni Italiana, testi ingranditi, audio), e altri strumenti utili a pianificare anticipatamente un tour nella città».
«Da ventisette anni – concludono dall’Associazione siciliana – svolgiamo un ruolo di pungolo rispetto ai bisogni di coloro che rappresentiamo, persone con disabilità sensoriale visiva. E tuttavia, in questa occasione abbiamo voluto farci portavoce dei bisogni di una platea ancora più ampia, provando a mettere un tassello in più all’obiettivo della tutela del diritto universale alla fruizione del patrimonio artistico-culturale».

All’incontro in corso a Palermo, partecipano esponenti delle Istituzioni, professionisti, aziende e start up del territorio coinvolti nelle attività di Panormus KIT, insieme ad esperti e referenti del mondo del volontariato socio-sanitario, tutti per confrontarsi sulle tematiche dell’accessibilità. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteriaarispalermo@gmail.com.

Stampa questo articolo