Un servizio informatico di telemedicina per bambini e adulti audiolesi

Il Servizio di Audiologia e Impianti Cocleari dell’Ospedale Martini di Torino ha attivato da oggi, 23 marzo, un supporto informatico audiovideo di telemedicina a favore sia dei bambini audiolesi seguiti per controlli dopo l’intervento di impianto cocleare o di protesizzazione acustica, sia degli adulti anch’essi con impianto cocleare, che abbiano la necessità di aiuto nella gestione anche burocratica del loro dispositivo. L’auspicio dell’APIC di Torino (Associazione Portatori Impianti Cocleari) è che tale servizio possa essere utilizzato anche dopo l’emergenza coronavirus

Impianto cocleare

Un portatore di impianto cocleare

Come informa l’APIC di Torino (Associazione Portatori Impianti Cocleari), il Servizio di Audfiologia e Impianti Cocleari dell’Ospedale Martini di Torino ha attivato da oggi, 23 marzo, un supporto informatico audiovideo di telemedicina a favore sia dei bambini audiolesi seguiti per controlli dopo l’intervento di impianto cocleare o di protesizzazione acustica, sia degli adulti anch’essi con impianto cocleare, che abbiano la necessità di aiuto nella gestione anche burocratica del loro dispositivo.
Nell’accogliere con favore la notizia, Paolo De Luca, presidente dell’APIC, auspica che «il servizio possa essere utilizzato anche dopo l’attuale emergenza coronavirus, con la necessaria rimodulazione, quale opportunità aggiuntiva alle normali attività ambulatoriali». (S.B.)

A questo link si possono leggere nel dettaglio le procedure relative al nuovo servizio attivato dall’Ospedale Martini di Torino. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@apic.torino.it.

Stampa questo articolo