Bed and Breakfast accessibili: premiato un progetto FISH

Selezionare e formare gestori con disabilità, pronti ad accogliere gli ospiti all’interno di Bed and Breakfast accessibili: consiste sostanzialmente in questo il progetto della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), denominato “B&B for all”, premiato nei giorni scorsi a Milano, nell’àmbito del programma “Sodalitas Social Innovation”

Insegna di un Bed & BreakfastC’è anche il progetto della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) denominato B&B for all – ove si parla di Bed and Breakfast accessibili – tra i dieci premiati il 9 ottobre a Milano dalla Fondazione Sodalitas nell’àmbito della terza edizione di Sodalitas Social Innovation, programma ideato per aiutare il non profit a mettere a punto intraprese sociali di qualità, capaci di attrarre l’interesse di imprese partner e sostenitrici, oltreché per migliorare in modo diffuso la stessa capacità progettuale del Terzo Settore.

«Si rileva – leggiamo nella presentazione del progetto premiato – una scarsa presenza di Bed & Breakfast accessibili nelle città d’arte, contemporaneamente alla necessità di creare attività economiche e di promuovere l’accessibilità, tramite servizi d’accoglienza e di informazioni per tutti. Questo progetto consiste dunque nella selezione e nella formazione di gestori di Bed and Breakfast accessibili, che saranno aperti in alcune città italiane attraverso il marchio in franchising B&B For You. Verrà inoltre creata una piattaforma web accessibile, con informazioni utili per i turisti con disabilità e che favorirà azioni di aggregazione tra i gestori».
Fatto, poi, non certo trascurabile, l’iniziativa nasce all’insegna del pieno protagonismo da parte delle persone con disabilità: saranno infatti proprio loro (esattamente quindici) ad essere formate come gestori nell’accoglienza degli ospiti, presso le strutture coinvolte.

Un’iniziativa, quindi, e un riconoscimento di sicuro interesse, sui cui contenuti presenteremo presto un nostro approfondimento. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: socialinnovation@sodalitas.it.

Stampa questo articolo