Un’ora quieta al supermercato, per le persone con autismo

«Un’iniziativa del genere apre concretamente la strada a una nuova sensibilità verso l’accessibilità ai luoghi pubblici delle persone con autismi e ritardo intellettivo»: così, una soddisfatta Elena Bulfone, presidente dell’Associazione ProgettoAutismo FVG, commenta il progetto “Ora quieta” promosso da Carrefour Italia al Centro Commerciale Friuli di Tavagnacco (Udine), primo del genere in Italia, realizzato in collaborazione con l’Associazione stessa. Per un’ora, dunque, due volte alla settimana, quel supermercato diventa un “luogo di tranquillità”, favorevole alle persone con autismo

Ragazzino al supermercato«Abbiamo trovato una grande sensibilità al tema e una grande collaborazione nei vertici di questo supermercato, che sono andati oltre le nostre previsioni. Un’iniziativa del genere apre concretamente la strada a una nuova sensibilità verso l’accessibilità ai luoghi pubblici delle persone con autismi e ritardo intellettivo nel nostro Comune e nella nostra Provincia. Auspichiamo quindi che tanti punti vendita in Italia possano seguire questo esempio, per dar modo alle nostre famiglie di fare la spesa in tutta serenità».
Così, una soddisfatta Elena Bulfone, presidente dell’Associazione ProgettoAutismo FVG, commenta l’iniziativa voluta dal punto vendita Carrefour Italia del Centro Commerciale Friuli di Tavagnacco (Udine), il primo in Italia ad avere adottato la cosiddetta “ora quieta”, con l’obiettivo di rendere possibile la fruizione degli ambienti anche alle persone con autismo, dando alle alle loro famiglie la possibilità di condividere un momento della propria quotidianità, altrimenti impossibile.

Ma di che cosa si tratta esattamente? Di una sperimentazione che è il frutto di una collaborazione nata e sviluppatasi proprio con ProgettoAutismo FVG, grazie alla quale il lunedì alle 10 e il mercoledì alle 15, il supermercato cambia volto per un’ora, diventando un luogo di tranquillità, privo di eccessivi stimoli: corsie preferenziali, nessun improvviso annuncio dagli altoparlanti, musica abbassata (o addirittura spenta) e apertura delle porte automatiche a scorrimento presso l’entrata.
Sempre da parte di Carrefour Italia, inoltre, è stata messa a punto anche la app per dispositivo mobile, denominata Quiet Hour, che permetterà alle famiglie e alle persone con autismo di essere informate in tempo reale di eventuali spostamenti di giornata dovuti alle festività.
Si tratta insomma di una soluzione che facilita la programmazione familiare e che permette di poter coinvolgere anche persone con autismo in un’attività come la spesa, sinonimo di normalità, che nella maggior parte dei casi, però, è inaccessibile purtroppo a molti.

«Questa iniziativa – sottolinea Paola Accornero, direttore delle Risorse Umane per Carrefour Italia – ci rende particolarmente orgogliosi, in quanto è coraggiosa, realizzata per la prima volta in Italia e può essere di grande aiuto alle famiglie e alle persone con autismo. Abbiamo stravolto alcuni dei più comuni punti di riferimento di un normale supermercato per renderlo più accessibile a tutti, cosicché da oggi, grazie anche all’aiuto di un partner prezioso come ProgettoAutismo FVG, tante persone affette da autismo potranno tornare in un punto vendita, condividendo un momento di quotidianità con la propria famiglia».

Fatto non certo trascurabile, il progetto si è già aggiudicato il Premio Italia, nel corso della terza edizione della Convention Women Leaders&Diversity, tenutasi a Parigi, e anche il premio mondiale Store Social Innovation Manager alla presenza del Ministro Francese alle Pari Opportunità. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@progettoautismofvg.it.

Stampa questo articolo