Validatori e facilitatori del linguaggio facile da leggere e da capire

Anche l’Associazione +Cultura Accessibile promuove il progetto europeo “Train2Validate”, finanziato dalla Commissione Europea e nato con la consapevolezza dello sviluppo di buone prassi in tutto il mondo all’insegna dell’“Easy to Read”, la scrittura facile da leggere e da capire. In particolare l’obiettivo è quello di creare materiale per formare due specifiche figure, i “validatori” e i “facilitatori”, nell’ottica di una certificazione riconosciuta a livello europeo. Il primo passo consiste in un questionario che consentirà di raccogliere molti dati preziosi

Inclusion-Exclusion

Non è sempre così netto il confine tra “esclusione” e “inclusione”

Anche l’Associazione +Cultura Accessibile, realtà impegnata ormai da anni nella promozione dell’accessibilità culturale, partecipa e promuove al progetto europeo Train2Validate, finanziato dalla Commissione Europea nell’àmbito del Programma Erasmus +, iniziativa nata con la consapevolezza dello sviluppo di buone prassi in tutto il mondo all’insegna dell’Easy to Read, ovvero della scrittura facile da leggere e da capire per tutti.
«L’obiettivo di Train2Validate – spiegano da +Cultura Accessibile – è la creazione di materiale per la formazione di due specifiche figure, nell’ottica di una certificazione riconosciuta a livello europeo. Si tratta dei validatori, persone con difficoltà di lettura motivate da varie cause, che leggono i testi per valutarne la comprensibilità; e dei facilitatori, che organizzano sessioni di convalida di testi scritti in Easy to Read insieme ai validatori, raccogliendone gli input ed elaborandoli sotto forma di raccomandazioni per i redattore di testi in questo formato».

Gli obiettivi di questo progetto europeo, dunque, possono essere sintetizzati in sei punti, vale a dire: garantire la professionalizzazione di questa attività editoriale; promuovere lo scambio di esperienze e conoscenze per  uno standard comune di riferimento per facilitatori e validatori; definire le competenze professionali di facilitatori e validatori, al fine di creare due nuove figure professionale; proporre un percorso formativo per entrambi i profili; creare materiali formativi aperti a tutti per formare/formarsi al ruolo di facilitatori o validatori; creare una certificazione a livello internazionale.

La prima azione pubblica di Train2Validate consiste in un sondaggio rivolto a validatori e facilitatori di Easy to Read, al quale possono partecipare tutti i validatori e i facilitatori interessati, residenti in ogni Paese d’Europa, compilando un questionario elaborato ad hoc (disponibile a questo link), che consentirà di raccogliere tanti dati utili a compiere appunto il primo passo.

Da dire, in conclusione, che alla guida di Train2Validate vi è Plena Inclusión Madrid, rete spagnola di organizzazioni che si occupano di disabilità intellettive e responsabile della prima fase del progetto, attraverso la propria scuola per traduttori di telecomunicazioni e comunicazione aziendale, è l’Università Politecnica di Timisoara (Romania). (S.B.)

Ricordiamo ancora il link al quale è disponibile il questionario di cui si parla nella presente nota. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Associazione +Cultura Accessibile (Daniela Trunfio), daniela.trunfio@fastwebnet.it.

Stampa questo articolo