Diritti

La FISH Friuli Venezia Giulia incontra le Istituzioni della propria Regione

La delegazione della FISH Friuli Venezia insieme ai rappresentanti istituzionali della propria Regione

L’importanza di dare attuazione alla Convenzione ONU, a partire dall’attivazione dell’Osservatorio Regionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità, e anche la situazione delle persone anziane con disabilità e le moltissime difficoltà che ogni giorno devono affrontare e superare: sono stati questi alcuni dei temi affrontati dalla FISH Friuli Venezia Giulia (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), nel corso di un incontro con alcuni rappresentanti istituzionali della propria Regione, guidati dal vicepresidente della stessa Riccardo Riccardi

Nuovi incontri dedicati alla “Legge sul Durante e Dopo di Noi”

Nuovi incontri dedicati alla “Legge sul Durante e Dopo di Noi”

Meglio nota come “Legge sul Dopo di Noi” (o sul “Durante e Dopo di Noi”), la Legge 112/16 è stata approvata oltre due anni fa, ma continua ad essere al centro di incontri informativi e di approfondimento in diverse Regioni d’Italia. Al centro dell’attenzione, nella prossima settimana, vi saranno il Friuli Venezia Giulia e la Sicilia, con ben tre appuntamenti in programma per l’8 e il 9 novembre, rispettivamente a Trieste, a cura della Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, a Palermo e a Catania, a cura dell’ANFFAS Sicilia

Una tutela sanitaria a sostegno delle persone con sclerosi multipla

Cinzia Cardia, donna con sclerosi multipla, è stata tra le persone protagoniste di una delle campagne ("Benvenuta Gardensia!"), promossa dall'AISM in questo 2018, che coincide con il cinquantesimo anniversario dalla fondazione dell'Associazone

Offrire alle persone con sclerosi multipla l’accesso a pacchetti di tutela in àmbito di salute di tipo mutualistico, dai farmaci alla riabilitazione: è questo l’obiettivo del progetto pilota di welfare integrativo, riservato per il momento ad alcune Province della Lombardia, avviato dall’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), insieme alla Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo, la più grande tra le realtà italiane che operano nel campo della mutualità integrativa sanitaria. L’iniziativa verrà pubblicamente presentata l’8 novembre a Milano

Come si sta applicando quella Legge Regionale?

Come si sta applicando quella Legge Regionale?

A due anni dall’approvazione della Legge Regionale Lombarda 15/16, che punta a garantire a tutte le persone con disabilità una presa in carico integrata di carattere sanitario, sociosanitario e sociale, la Federazione LEDHA e il Comitato Uniti per l’Autismo hanno inviato una lettera ai Dirigenti di tutte le Aziende Socio Sanitarie Territoriali (ASST) della propria Regione (e per conoscenza alla Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia), per sapere quali delibere, servizi e misure siano stati messi in atto o saranno messi in atto, per ottemperare a quanto previsto da tale norma

La tutela europea dei diritti umani

Immagine relativa a una delle precedenti edizioni del corso sulla "Tutela europea dei diritti umani"

Sono aperte fino al 10 novembre le iscrizioni alla nuova edizione di un corso dall’alto spessore culturale e formativo, ovvero quello sulla “Tutela europea dei diritti umani”, promosso a Roma dall’Unione Forense per la Tutela dei Diritti Umani, con il patrocinio del Consiglio d’Europa e del Consiglio Nazionale Forense. L’iniziativa appare di sicuro interesse anche per il mondo della disabilità, non foss’altro in considerazione del fatto che il nuovo approccio fissato dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità colloca questi ultimi proprio nell’alveo dei diritti umani

Costretto a chiamare la Polizia per avere gli ausili salvavita!

Costretto a chiamare la Polizia per avere gli ausili salvavita!

«Questa è una vera e propria violazione dei diritti umani, una palese violazione dell’articolo 32 della nostra Costituzione. Occorre un intervento immediato delle Istituzioni, per evitare il ripetersi di situazioni del genere, che purtroppo, a quanto ci risulta, sono sin troppo frequenti»: così Vincenzo Falabella, presidente della Federazione FISH, commenta quanto accaduto a una persona con tetraplegia, costretta a chiamare la Polizia, per ottenere i cateteri salvavita dalla farmacia dell’ospedale, senza per altro riuscirvi, almeno per il momento

La Società Italiana Disability Manager entra nel contesto europeo

La Società Italiana Disability Manager entra nel contesto europeo

«Questo passaggio ci rende orgogliosi del lavoro svolto per favorire l’inclusione delle persone con disabilità e ci consentirà di entrare a pieno titolo nel contesto europeo, confrontandoci sulle buone pratiche con tutte le Associazioni continentali»: così Rodolfo Dalla Mora, presidente della SIDIMA (Società Italiana Disability Manager), commenta l’ingresso di quest’ultima nell’EASPD, organizzazione ombrello che rappresenta all’interno dell’Unione Europea oltre 15.000 enti e soggetti, fornitori di servizi di supporto alle persone con disabilità e ai loro familiari

Condannata per “normalità”

Condannata per “normalità”

Truffa ai danni dello Stato, con condanna in primo grado ad un anno e due mesi di reclusione, oltre a un’ammenda di 200.000 euro. Secondo gli inquirenti non sarebbe affatto cieca, tesi, questa, accolta dal Giudice di primo grado. In attesa di leggerne le motivazioni, non possiamo che serbare notevoli perplessità, per quanto accade a Paola (“Paula”) Morandi Treu, persona con accertata e grave disabilità visiva, condannata, a quanto pare, per “normalità”, come sottolinea anche la Federazione Italiana Malattie Rare UNIAMO

A Udine la Convenzione ONU diventa un punto di riferimento

Anche l'assessore del Comune di Udine Elisa Asia Battaglia (quarta in piedi da destra) ha partecipato nel giugno scorso al Congresso della FISH Friuli Venezia Giulia

Viva soddisfazione viene espressa dalla FISH Friuli Venezia Giulia (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), per la Delibera con cui la Giunta Comunale di Udine ha sancito la propria adesione «al complesso di princìpi, diritti, obblighi e indicazioni risultante dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità». Un atto che prevede tra l’altro un sistema istituzionale di consultazione permanente, con il coinvolgimento delle persone con disabilità, e l’obiettivo di giungere a un Piano di Azione Comunale per il superamento delle disabilità

Ancora troppi “manicomi nascosti”

È in programma per il pomeriggio di oggi, 16 ottobre, a Lamezia Terme (Catanzaro), una nuova presentazione di “La segregazione delle persone con disabilità. I manicomi nascosti in Italia”, libro curato da Giovanni Merlo e Ciro Tarantino, che è il frutto di ricerche e studi promossi dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). «Una pubblicazione – aveva dichiarato a suo tempo il presidente della FISH Falabella – che è un punto di partenza per un tema centrale nell’attività della nostra Federazione: il contrasto ad ogni forma di segregazione delle persone con disabilità»

Una settimana in Puglia, per la cura del Pianeta e delle Persone

«Il movimento ambientalista mondiale è fondamentale per la nostra sopravvivenza, ma è altrettanto fondamentale che il movimento per la giustizia sociale si unisca ad esso»: un assunto, questo, dal quale è nato in Puglia il Festival della Cooperazione Internazionale, la cui seconda edizione si terrà da oggi, 8 ottobre, a domenica 14, a Ostuni (Brindisi) e in altre località. Sia a livello organizzativo che per i contenuti, la manifestazione è profondamente connessa con il mondo della disabilità, come testimonierà, in apertura, l’intervento di Vincenzo Falabella, presidente della FISH

L’amministrazione di sostegno, l’uguaglianza e il rispetto del beneficiario

La Corte di Cassazione ha recentemente condiviso l’orientamento secondo cui l’amministrazione di sostegno – introdotta nel 2004, per superare i ben più rigidi istituti dell’interdizione e dell’inabilitazione – ha la funzione di «rimuovere ostacoli di natura psichica o fisica che impediscono al beneficiario di esprimere e sviluppare la propria identità». Tale Sentenza, dunque, ha attuato la volontà del Legislatore, di «tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell’espletamento delle funzioni della vita quotidiana»

La segregazione delle persone con disabilità ovvero I manicomi nascosti

«Nel nostro Paese, come dimostrato da una ricerca della FISH, vi sono ancora tanti “manicomi nascosti”, dove migliaia di persone con disabilità vivono separate ed escluse dal resto della società. Questo seminario vuole sollecitare l’attenzione e la riflessione su tale problema, da parte della politica, dei responsabili dei servizi, degli operatori e delle famiglie». Viene presentato così il seminario “La segregazione delle persone con disabilità. I manicomi nascosti in Italia”, promosso per il 5 ottobre a Pordenone dall’AAS 5 Friuli Occidentale e dalla FISH Friuli Venezia Giulia

Non pietà o carità, ma cittadinanza e l’assistenza necessaria

Casa al Plurale – il coordinamento delle case famiglia per persone con disabilità, minori in difficoltà e donne con bambini in situazioni di grave fragilità sociale a Roma e nel Lazio – ha inviato una lettera-appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, chiedendogli di «intervenire presso tutti gli organi istituzionali affinché le persone con disabilità in casa famiglia ricevano l’assistenza di cui hanno bisogno», ovvero sostegni economici adeguati

Le parole delle politiche sociali ovvero Come “funzionano” i servizi?

Livelli Essenziali, Servizi sociali, sociosanitari e sanitari, Competenze, Autorizzazione, Convenzioni, Assegni di Cura: saranno queste le “parole” al centro di un interessante ciclo di incontri mensili a carattere divulgativo, promossi nelle Marche dal Gruppo Solidarietà, a partire dal 27 settembre, iniziativa che si rivolgerà segnatamente a non esperti del settore, allo scopo di aiutarli appunto a capire alcune parole chiave delle politiche sociali

Otto video per il diritto di decidere

Sono online e disponibili a tutte le persone con disabilità, le famiglie, gli operatori dei servizi, gli operatori dei sistemi di giustizia e del sociale, otto video-tutorial realizzati dall’ANFFAS nell’àmbito di “Capacity: la legge è eguale per tutti”, progetto che punta a sperimentare modelli innovativi di sostegno al processo decisionale per le persone con disabilità, in particolare per quelle con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, in attuazione dell’articolo 12 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (“Uguale riconoscimento dinanzi alla Legge”)

Un nuovo welfare basato sulla Convenzione ONU

«L’approccio alla disabilità basato sul rispetto dei diritti umani e introdotto dalla Convenzione ONU ha trasformato le persone con disabilità da “vulnerabili” a “vulnerate”. Questo richiede una radicale modifica degli obiettivi e dei sistemi di welfare. Analizzando il cambiamento delle politiche nella Regione Campania, questo incontro vuole aprire e stimolare il dibattito, per realizzare una concreta applicazione della Convenzione in Italia»: viene presentato così il convegno promosso da DPI Italia per il 22 settembre a Succivo (Caserta), nell’àmbito del progetto campano “La mia Terra Vale”

Così non si fa altro che rafforzare l’istituzionalizzazione dei servizi!

«Avevamo chiesto servizi centrati sulle persone e sulle loro esigenze, luoghi di vita, condizione fondamentale per essere anche luoghi “di cura”. Servizi che promuovessero inclusione e quindi deistituzionalizzazione. Al contrario, quello che sta proponendo la Giunta Regionale è quanto di più lontano da tutto ciò, mantenendo e rafforzando modelli di istituzionalizzazione»: così il Gruppo Solidarietà esprime il proprio dissenso riguardo alle proposte che si vanno definendo, da parte della Giunta Regionale delle Marche, sui nuovi requisiti di funzionamento dei servizi diurni e residenziali

L’incontro delle Federazioni con il Presidente del Consiglio

Programma di Azione Biennale sulla Disabilità, inclusione lavorativa, Fondi per il “Dopo di Noi”, per la Non Autosufficienza e per le Politiche Sociali, applicazione ancora disattesa dei LEA Sanitari (Livelli Essenziali di Assistenza), inclusione scolastica e altro ancora: è stato un incontro molto denso di elementi, quello delle Federazioni FISH e FAND con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alla presenza anche del sottosegretario al Ministero per la Famiglia e le Disabilità Vincenzo Zoccano, per fare il punto sui temi più urgenti riguardanti le politiche per la disabilità