Guide di Assisi per non vedenti e ipovedenti

Si tratta di due pubblicazioni, che verranno diffuse gratuitamente, finanziate dal Ministero per i Beni e le Attività Culturale, nell’ambito delle iniziative di tutela e valorizzazione dei siti italiani ritenuti Patrimonio Mondiale dall’Unesco. Prospettata anche la possibilità, in futuro, di ampliare la segnaletica della città umbra con alcune targhe tattili

Basilica di San Francesco ad Assisi

La Basilica di San Francesco ad Assisi

Finanziate dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali al Comune di Assisi, nel quadro della Legge 77/06, che sostiene progetti di tutela e valorizzazione dei siti Unesco italiani (i quali, attualmente, vedono alla Presidenza Nazionale proprio il sindaco di Assisi Claudio Ricci), sono state recentemente presentate due guide della città dedicate alle persone non vedenti e ipovedenti, che verranno diffuse gratuitamente.

La pubblicazione è avvenuta il 2 dicembre, cioè esattamente dodici anni dopo l’inserimento di Assisi, della Basilica di San Francesco e di altri siti francescani (Basilica Santa Maria degli Angeli, San Damiano, Eremo delle Carceri e Santuario di Rivotorto, con la quasi totalità del territorio comunale per il paesaggio culturale), nella lista del Patrimonio Mondiale posto sotto la tutela dell’Unesco.
Per l’occasione è stata anche prospettata la possibilità, in futuro, di ampliare la segnaletica con targhe in bassorilievo/altorilievo tattili, da porre nei principali luoghi e beni culturali di Assisi. (Centro per l’Autonomia Umbro)

Per ulteriori informazioni: web@cpaonline.it.

Stampa questo articolo