Giochi sonori all’Ospedale di Perugia

Sono quelli donati dalla FIADDA Umbria (Famiglie Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi) alla Clinica Otorinolaringoiatrica del Polo Ospedaliero Santa Maria della Misericordia di Perugia, che saranno utili per le valutazioni e le osservazioni audiologiche e logopediche, nei confronti dei bimbi con disabilità sensoriale

Giochi sonori

Alcuni giochi sonori

I bambini con disabilità sensoriale che si recheranno presso la Clinica Otorinolaringoiatrica del Polo Ospedaliero Santa Maria della Misericordia di Perugia, potranno presto trovare tredici nuovi giochi sonori durante le sedute di logopedia, che verranno donati alla struttura dalla FIADDA Umbria (Famiglie Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), Associazione federata alla FISH Regionale (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), impegnata da anni per tutelare i diritti delle persone con disabilità sensoriale e in particolare per favorire la pratica dello screening audiologico neonatale.

«La nostra Associazione – ha spiegato la stessa FIADDA Umbria in una lettera inviata alla dirigenza dell’Ospedale perugino – ha ricevuto in donazione dalla Cooperativa Farmacentro Servizi e Logistica di Perugia una serie di giochi sonori che abbiamo intenzione di donare per l’utilizzo all’interno dell’aula di logopedia attiva presso la Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia. I giochi saranno utili alla logopedista per le valutazioni e le osservazioni audiologiche/logopediche. La Clinica ha sempre dimostrato nei nostri confronti disponibilità e tra noi è nata una fattiva collaborazione per cui sembra utile condividere quello che abbiamo a favore dei bambini piccoli neo-diagnosticati allo screening audiologico neonatale». (Centro per l’Autonomia Umbro)

Per ulteriori informazioni: info@fiaddaumbria.it.

Stampa questo articolo