Realizzazioni che migliorano la qualità della vita

Sono quelle selezionate nell’àmbito del grande progetto di ricerca “CREW” (“Codesign for REhabilitation and Wellbeing”, ovvero “Coprogettazione per la riabilitazione e il benessere”) e quindi in procinto di passare alla fase di sviluppo del prototipo: dal sistema integrato “Grippos” al videogioco “GiocAbile”, dalla carrozzina “Cambio” all’apparecchio “Aqtivo”, che favorisce il galleggiamento in acqua e il nuoto, dal gioco “Mosaic” alla seduta modulare “Baby Crew”

Logo del Progetto "CREW" ("Codesign for REhabilitation and Wellbeing", ovvero “Coprogettazione per la riabilitazione e il benessere”)

Il logo del Progetto “CREW” (“Codesign for REhabilitation and Wellbeing”, ovvero “Coprogettazione per la riabilitazione e il benessere”)

Di GiocAbile e del ruolo avuto in tale iniziativa dall’Istituto Medea-Associazione La Nostra Famiglia, ci siamo già ampiamente occupati nei giorni scorsi, in altra parte del giornale. Oltre ad esso, però, ci sono ulteriori cinque progetti (come ci viene segnalato dal Centro Polifunzionale Spazio Vita Niguarda di Milano) – frutto del lavoro di coprogettazione di clinici, ricercatori, educatori e formatori, aziende e start-up, associazioni e decisori politici (policymakers), volto a migliorare la qualità di vita delle persone in situazione di fragilità – che sono stati ammessi alla terza fase di CREW (Codesign for REhabilitation and Wellbeing, ovvero “Coprogettazione per la riabilitazione e il benessere”), grande progetto di ricerca della Fondazione Cariplo.

A tre di tali realizzazioni collaborano lo stesso Spazio Vita Niguarda e l’AUS Niguarda (Associazione Unità Spinale), la prima delle quali si chiama Grippos, sistema integrato che a partire da una piattaforma online consente – anche grazie alla stampa 3d – la personalizzazione di strumenti e dispositivi per agevolare la presa di oggetti e attrezzi necessari a svolgere attività quotidiane, da parte di persone con fragilità che interessano gli arti superiori.
I due progetti, invece, cui collabora l’AUS Niguarda sono Cambio, una carrozzina a costi contenuti, che grazie all’assetto variabile e al cambio di trazione consente l’utilizzo per la vita all’aria aperta e lo sport a livello amatoriale e Aqtivo, oggetto che ha lo scopo di favorire il galleggiamento e il nuoto in sicurezza per persone con disabilità, pensato per far ritrovare a tutte le persone il piacere dell’autonomia in acqua, utile anche a facilitare la riabilitazione.

Le ultime due realizzazioni, infine, sono Mosaic, un gioco che accompagna l’ingresso nella scuola primaria di bambini e bambine con disturbi dello spettro autistico, con la possibilità di integrare scenari di gioco reali e virtuali, collegabili alla LIM (Lavagna Interattiva Multimediale), fornendo anche informazioni e contenuti per la formazione dei docenti e Baby Crew, seduta modulare e funzionale, in grado di favorire un assetto corretto per bambine e bambini con disabilità neuromotorie, accompagnandoli nella crescita e consentendo loro di partecipare alla vita familiare. (S.B.)

Il Progetto CREW
L’acronimo CREW sta per Codesign for REhabilitation and Wellbeing (“Coprogettazione per la riabilitazione e il benessere”) e si riferisce a un progetto di ricerca della Fondazione Cariplo per la realizzazione di soluzioni tecnologiche innovative nel campo dell’abilitazione, della riabilitazione motoria e cognitiva e dell’inclusione sociale di persone con disabilità permanente, temporanea o legata all’avanzare dell’età.
L’obiettivo è sostanzialmente quello di migliorare la qualità della vita della persona che vive in una condizione di fragilità, scegliendo di adottare un approccio globale, integrato e multidisciplinare. Risponde a tale esigenza la scelta di adottare il metodo della coprogettazione, nel quale siano coinvolti tutti i gruppi di interesse, con l’obiettivo di individuare una soluzione che possa rispondere al bisogno dell’utilizzatore finale.
Per approfondire ulteriormente (e anche per l’elenco dei vari Enti coinvolti), accedere a questo link.

Per ulteriori informazioni sui progetti cui collaborano il Centro Polifunzionale Spazio Vita Niguarda e l’AUS Niguarda (Associazione Unità Spinale) di Milano: segreteria@spaziovitaniguarda.com.

Stampa questo articolo