Sport e Turismo

Sta per accendersi a Biella la torcia di Special Olympics

Un'atleta impegnata nel salto in lungo, durante la fase svoltasi nel mese di maggio in Umbria dei XXXIII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics

Arriverà il 4 luglio a Biella la torcia olimpica partita nei giorni scorsi da Torino, per accendere il tripode della terza e ultima fase dei XXXIII Giochi Nazionali Estivi di Special Olympics, il movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva. Saranno ben 1.400 gli atleti provenienti da 14 Regioni italiane e da 7 Paesi stranieri, che si misureranno in Piemonte su gare ufficiali di bocce, bowling, equitazione, nuoto, nuoto in acque aperte e pallavolo e su gare dimostrative di rugby e vela

Già otto medaglie in due giorni per i trapiantati italiani

La Nazionale Italiana che partecipa in questi giorni in Spagna ai Giochi Mondiali per Trapiantati di Malaga

«Siamo orgogliosi di coordinare i colori italiani, che hanno da sempre ben figurato in questa manifestazione iridata la quale, pur nell’alto livello agonistico visto fino ad oggi, fonda le proprie radici nella volontà di dare segno concreto del grande successo della donazione di organi e tessuti, gesto che trova una tangibile testimonianza in tutti campi di gara»: così Giuseppe Vanacore, presidente dell’ANED (Associazione Nazionale Emodializzati Dialisi e Trapianto), commenta l’avvio dei Giochi Mondiali per Trapiantati di Malaga, in Spagna, che hanno già visto eccellere gli atleti azzurri

Grandi gare e non solo, per i centauri con disabilità

I bambini dell'AGOP (Associazione Genitori Oncologia Pediatrica) con i piloti Di.Di., durante la due giorni di Vallelunga

A fianco infatti del grande successo ottenuto anche al circuito romano di Vallelunga, con la prima gara del campionato italiano di motociclismo per piloti con disabilità, organizzato dall’Associazione Di.Di. (Diversamente Disabili), quest’ultima continua a promuovere i corsi di guida sulle due ruote – come farà in luglio a Pavia – e sempre a Vallelunga vi sono stati anche due incontri molto emozionanti, con il campione Alex De Angelis e con i bimbi dell’AGOP (Associazione Genitori Oncologia Pediatrica)

Per sostenere il bisogno di turismo delle persone con disabilità

Un turista con disabilità nel centro di Napoli

«Il turismo è importante per l’inclusione sociale delle persone con disabilità, perché la conoscenza di modi di vivere diversi, l’esperienza, fatta in autonomia, di girare da turisti in una città come Napoli, con le sue bellezze paesaggistiche e il suo patrimonio artistico, permetterà una crescita culturale delle stesse persone con disabilità»: così Mario Mirabile, presidente dell’UICI di Napoli, commenta soddisfatto il protocollo d’intesa firmato tra la stessa UICI, la Prima Municipalità di Napoli e Federalberghi, per una migliore accoglienza della propria città alle persone con disabilità

L’accoglienza per tutti sia il denominatore comune di ogni intervento

Un'altra persona sottoscrive ad Agliè la gigantografia del Codice Etico del Turismo Accessibile in Montagna. Alla fine "autograferanno" il documento ben trenta realtà pubbliche e private

Ben trenta realtà pubbliche e private hanno sottoscritto il Codice Etico del Turismo Accessibile in Montagna, elaborato da tre Gruppi di Azione Locale (GAL) del Piemonte, con il supporto della CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà) e dell’ISITT (Istituto Italiano per il Turismo per Tutti). È accaduto ad Agliè (Torino), nel corso della “Tourism Conference – La montagna per tutti”, importante evento durante il quale si è chiesto con forza, rivolgendosi in particolare agli Amministratori Locali, che l’accoglienza per tutti diventi il denominatore comune di ogni intervento

Un premio a chi diffonde lo sport come cultura dell’inclusione

La bergamasca Martina Caironi, campionessa mondiale e paralimpica dell'atletica leggera

Durante il “36° Meeting d’Estate Isola di Ischia”, centrato sul tema “La Responsabilità Sociale e lo Sport”, verrà consegnato il 18 giugno al Centro Protesi INAIL di Vigorso di Budrio (Bologna), il Premio “CSR Sport Awards”, per l’impegno nei confronti degli atleti paralimpici, attraverso la realizzazione di protesi sportive. «Lo sport -dichiara Carlo Biasco dell’INAIL – è strumento di benessere, salute e integrazione, anche e soprattutto per le persone con disabilità. Per questo siamo da sempre impegnati con il Comitato Italiano Paralimpico a diffondere il più possibile la cultura sportiva»

Lo sport è un mezzo che rende tutti uguali

Lo sport è un mezzo che rende tutti uguali

Tanto divertimento e tanta socializzazione, ma anche un prezioso messaggio di uguaglianza, per superare ogni tipo di barriera o di stereotipo riguardante la disabilità: sarà questo la “Festa dello Sport – Un lago di emozioni. Operazione fondali puliti”, nuova edizione di un grande evento di sensibilizzazione e promozione sportiva, rivolto in particolar modo alle persone con disabilità e promosso dall’AUS Niguarda (Associazione Unità Spinale) e dal Centro Spazio Vita Niguarda di Milano, che il 17 e 18 giugno animerà la città di Cernobbio, sulle rive del Lago di Como

Sport si può, eccome!

Il sedicenne nuotatore Lorenzo L'Abbate, che sin da quando aveva 11 anni fa parte della squadra della POLHA-Varese e che presto esordirà nella Nazionale Paralimpica (foto di Vito L'Abbate)

Ben lo dimostrano i numeri significativi con cui l’Associazione Sportiva Dilettantistica per Disabili POLHA-Varese ha tagliato il traguardo della tredicesima edizione di “Sport si può”, progetto dedicato all’insegnamento del nuoto e rivolto agli alunni con disabilità delle scuole elementari del proprio territorio, in collaborazione con gli insegnanti di sostegno o con gli educatori. E tra atleti di diverse discipline già affermati e in evidenza alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro 2016, nella squadra di POLHA vi sono anche giovani molto promettenti, come il sedicenne Lorenzo L’Abbate

Boccia paralimpica: socializzazione e fiducia in se stessi

Boccia paralimpica: socializzazione e fiducia in se stessi

«Crediamo profondamente nell’efficacia dello sport paralimpico quale strumento fondamentale per il reinserimento sociale dell’infortunato sul lavoro e delle persone con disabilità in generale. Ancor più la disciplina delle bocce e della boccia paralimpica rappresentano un’opportunità straordinaria di socializzazione, ma anche un’occasione per riacquistare fiducia in se stessi e nelle proprie abilità»: così ANMIL e ANMIL Sport Italia commentano l’accordo sottoscritto con la Federazione Italiana Bocce, per diffondere sempre più la disciplina delle bocce e quella della boccia paralimpica

Il patrimonio della Valle d’Aosta dev’essere alla portata di tutti

Un patrimonio paesaggistico così prezioso come quello della Valle d’Aosta dev’essere alla portata di tutti e in tal senso, nonostante l’oggettiva asperità e pendenza del territorio, l’Amministrazione Regionale si è mossa in questi anni con interventi di riqualificazione e abbattimento delle barriere: di questo e di altre proposte rivolte alle persone con disabilità, si è parlato recentemente ad Aosta, nel corso del convegno intitolato “Il turismo accessibile nei parchi e negli ambienti di montagna”

Davanti a migliaia di spettatori, a fianco del Motomondiale

Si sono imposti due nostri connazionali, nelle categorie in gara, ma in realtà hanno vinto proprio tutti e trenta i centauri – provenienti da ogni parte del mondo – misuratisi nella prima edizione dell’“International Bridgestone Handy Race”, competizione dedicata a motociclisti con disabilità, organizzata dall’Associazione Di.Di. (Diversamente Disabili), insieme ai “cugini” transalpini di Handy Free Riders, svoltasi in uno scenario quanto mai prestigioso come quello del Motomondiale, ovvero sul circuito di Le Mans, a fianco del recente Gran Premio di Francia

“Turismi accessibili”: un premio che punta a migliorare i territori

«Con questa iniziativa non vogliamo evidenziare le mancanze, ma mostrare a manager pubblici e privati come l’accessibilità e la comunicazione professionale possano migliorare un territorio e la sua offerta turistico-culturale, con notevoli progressi per la vivibilità delle persone che lo visitano e lo abitano, oltre che con importanti profitti per le imprese»: lo ha dichiarato Simona Petaccia, presidente dell’Associazione Diritti Diretti, durante la cerimonia conclusiva della seconda edizione del concorso “Turismi accessibili: giornalisti, comunicatori e pubblicitari superano le barriere”

L’accessibilità migliora l’offerta turistico-culturale

«Mostreremo ancora una volta come l’accessibilità possa migliorare un territorio e la sua offerta turistico-culturale»: lo dichiara Simona Petaccia dell’Associazione Diritti Diretti, alla vigilia della cerimonia conclusiva della seconda edizione di “Turismi accessibili”, il premio rivolto ad articoli, servizi radio-televisivi, spot, video e campagne di comunicazione, realizzati da giornalisti, comunicatori e pubblicitari, che raccontino chi abbia prodotto sviluppo socio-economico, unendo i concetti di attrattività, innovazione, estetica e/o sostenibilità alla cultura dell’accessibilità

Bello il calcio, all’insegna dell’inclusione!

Tra i progetti della Cooperativa Sociale CLAP – Centro di Apprendimento che si occupa di giovani con Bisogni Educativi Speciali e che ha sede in provincia di Pavia – vi è anche quello della Scuola Calcio per ragazzi con sindrome di Down, avviato un paio di anni fa, ma che sta già ottenendo ottimi risultati, con alcuni ragazzi che hanno già potuto mettere in campo tutto il loro entusiasmo e la loro grinta, in un calcio interpretato all’insegna della piena inclusione

Una giornata di sport e inclusione (seguita anche dalla RAI)

È stata una giornata all’insegna dello sport, dello svago e dell’inclusione sociale, quella del 13 maggio scorso, intitolata “CièChi pratica sport” e organizzata a Roma dal Centro Regionale Sant’Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi, voluta per far conoscere le numerose opportunità di praticare discipline sportive individuali e di squadra, che hanno le persone con disabilità visiva. E il 22 maggio il programma televisivo “Odeon” di RAI Gulp sarà dedicato proprio a questo evento

Formazione sul turismo accessibile a Napoli

«Sostenere il bisogno di turismo delle persone con disabilità»: è con questo obiettivo che la Prima Municipalità di Napoli, Federalberghi e l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) del capoluogo partenopeo hanno siglato un protocollo d’intesa, mirato in prima battuta alla formazione di chi lavora nell’accoglienza turistica, ma che vuole essere solo il primo atto di una serie di altre iniziative in tale settore

Le guide all’ospitalità accessibile di Village for all

Disponibili gratuitamente nel web, le “Guide all’ospitalità accessibile” realizzate da Village for all (V4A®) – la nota rete del turismo accessibile – sono ripartite in due sezioni (Nord e Centro-Sud) e attraversano 14 Regioni e 34 destinazioni, descrivendo 55 strutture ricettive che si possono scegliere per le vacanze ideali delle persone con disabilità, delle famiglie, dei “senior” o in generale di chi abbia esigenze specifiche

Gran bella vetrina di sport, gli “Adria Special Games”!

Grande successo a Bibione (Venezia), per la seconda edizione degli “Adria Special Games”, manifestazione sportiva non competitiva organizzata dall’Associazione SportT21 Italia, che ha visto un centinaio di atleti con sindrome di Down o altre disabilità intellettive, provenienti da Veneto, Piemonte, Toscana, Abruzzo e Campania, cimentarsi in dieci differenti discipline sportive integrate. E per molti di loro si è trattato di un vero e proprio “battesimo del fuoco”, che li ha visti ad esempio misurarsi per prima volta nel rugby, ma anche nella canoa o nel judo

Chiara e le meraviglie del mondo sommerso

Non resta che augurare le più belle immersioni nei mari del mondo, a Chiara Folco, quindicenne con autismo, per la quale la muta da subacquea sembra quasi una “seconda pelle”, tanto da averle già consentito di conseguire il brevetto internazionale HSA (Handicapped Scuba Association International), riferito cioè all’Associazione Attività Subacquee e Natatorie per Disabili, di cui HSA Italia è la componente nazionale