Quando il grande cinema diffonde anche accessibilità culturale

Quattro capolavori del cinema italiano, proiettati gratuitamente a partire dal 15 febbraio, con sottotitolazione facilitata e audiodescrizione, perché «l’accessibilità – sottolineano il CineTeatro Baretti di Torino e l’Associazione +Cultura Accessibile, promotori dell’iniziativa – è uno dei temi centrali dei prossimi anni, che riguarderà il lavoro, la scuola, la sanità, l’ambiente, lo svago e certamente la cultura. Questa rassegna, quindi, consentirà la visione anche alle persone con disabilità sensoriali e cognitive, nonché a chiunque altro sia in situazione di fragilità»

Manifesto della nuova versione restaurata della "Notte di San Lorenzo"

Il manifesto della nuova versione restaurata della “Notte di San Lorenzo”, film che aprirà la rassegna accessibile al CineTetro Baretti di Torino

Quattro capolavori del cinema italiano in versione restaurata, grazie a una collaborazione con il Centro Sperimentale Cineteca Nazionale, proiettati gratuitamente con sottotitolazione facilitata e audiodescrizione, perché «l’accessibilità – sottolineano i promotori dell’iniziativa – è uno dei temi centrali dei prossimi anni, che  riguarderà il lavoro, la scuola, la sanità, l’ambiente, lo svago e certamente la cultura. È proprio forti di questa consapevolezza che abbiamo voluto promuovere questo tipo di rassegna, per consentire appunto la visione anche alle persone con disabilità sensoriali e cognitive, nonché a ogni altra persona in situazione di fragilità. Con queste proiezioni, inoltre, intendiamo anche contrastare il pericoloso fenomeno in forte crescita del cosiddetto “analfabetismo di ritorno”».

La proposta, dunque, arriva dal CineTeatro Baretti di  Torino e dall’Associazione +Cultura Accessibile, e si articolerà, come detto, su quattro successive proiezioni allo stesso CineTeatro Baretti, una al mese fino a maggio, e sempre alle ore 21.
L’avvio è in programma per mercoledì 15 febbraio, con La notte di San Lorenzo di Paolo e Vittorio Taviani (1982). Si proseguirà mercoledì 22 marzo con Le mani sulla città di Francesco Rosi (1963) e mercoledì 19 aprile con Una giornata particolare di Ettore Scola (1977), per concludere mercoledì 23 maggio, con Pane e cioccolata di Franco Brusati (1973). (S.B.)

Come detto, l’ingresso al CineTeatro Baretti di Torino per le proiezioni qui indicate sarà gratuito. La versione sottotitolata e audiodescritta è liberamente scaricabile in MovieReading (a questo link le istruzioni). Per ulteriori informazioni: cinema@cineteatrobaretti.it (Cristina Voghera); daniela.trunfio@fastwebnet.it (Daniuela Trunfio).

Stampa questo articolo