Conversazioni sull’Arte… ma non solo

Si chiama così il ciclo di visite virtuali proposto in questo periodo di emergenza sociosanitaria dall’Associazione romana Museum – consociata con l’UICI di Roma e impegnata da sempre a garantire l’accessibilità all’arte quale diritto di ogni cittadino – consistente in racconti e descrizioni sull’arte, ma anche nella lettura di brani letterari, passeggiando idealmente lungo le strade e le piazze di Roma, in attesa di poter nuovamente incontrare le persone e di condurle per mano attraverso l’ineguagliabile patrimonio artistico della Capitale

Esame tattile di una scultura

In attesa di poter riprendere con le visite guidate tattili, che sono una delle principali attività dell’Associazione Museum, quest’ultima propone le visite virtuali del ciclo “Conversazioni sull’Arte… ma non solo”

«In questo periodo particolarmente difficile per tutti, ma in particolare per le persone con disabilità visiva, non potendo continuare la nostra attività divulgativa all’interno dei musei, stiamo realizzando, in collaborazione con l’UICI di Roma (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), una serie di visite virtuali, avviate già nel mese di marzo scorso, e che proseguono anche in questo periodo, attraverso incontri, su piattaforma digitale o telefonica, nei pomeriggi di martedì e mercoledì (ore 16.30-18), tramite i quali manteniamo un contatto diretto con la nostra utenza. Si tratta di Conversazioni sull’Arte… ma non solo, dove raccontiamo e descriviamo l’arte, leggiamo brani letterari, passeggiamo lungo le strade e le piazze di Roma, conosciamo le piante, presenti anche in tante nostre opere d’arte, nell’attesa di poter nuovamente incontrare le persone e di condurle per mano attraverso il nostro meraviglioso patrimonio artistico».
A segnalarlo è Maria Poscolieri, presidente dell’Associazione Museum, nata nel 1994 a Roma, consociata con l’UICI capitolina e impegnata da sempre a garantire l’accessibilità all’arte quale diritto di ogni cittadino. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: assmuseum@gmail.com.

Stampa questo articolo