Diritti

Serve un reato specifico contro la violenza subita da una donna con disabilità

Un intervento di street art realizzato a Fondi (Latina), in occasione del 25 novembre 2017 (Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne)

A lanciare la proposta è stata la giornalista Fiorenza Sarzanini, durante l’incontro denominato “Disviolenza. Dialoghi intorno e dentro la violenza sulle donne con disabilità”, sottolineando «la necessità di creare un movimento di opinione unito ad un impegno dei media e di tutta la stampa, per migliorare la legislazione vigente, aggiungendo appunto ai quattro nuovi reati appena introdotti, anche quello riguardante la violenza subita dalle donne con disabilità, obiettivo certamente da raggiungere, soprattutto per aiutare le vittime a non sentirsi due volte sotto accusa»

Una persona con disabilità nel Consiglio Nazionale degli Utenti

Stefania Leone

«La mia voce sarà quella di tutto il mondo degli utenti con disabilità, che spero di rappresentare al meglio. Siamo utenti e consumatori come tutti, e alla base c’è la non discriminazione, l’inclusione, l’accessibilità e la protezione e tutela dei nostri diritti»: lo ha dichiarato Stefania Leone, dopo essere stata nominata – la prima volta per una persona con disabilità – quale componente del nuovo CNU (Consiglio Nazionale degli Utenti), organo che affianca l’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni), lavorando sulle necessità dei cittadini, in qualità di utenti di ogni tipo

Per i diritti e le pari opportunità, lo strumento è il progetto individuale

Il Presidente del Consiglio Conte, durante l'incontro con i Presidenti di FISH e FAND, Falabella e Pagano

«La via maestra è quella dei diritti e delle pari opportunità per tutti e lo strumento principe per raggiungere un’effettiva inclusione delle persone con disabilità è quello del progetto individuale»: lo ha dichiarato il Presidente del Consiglio Conte, durante l’incontro con le delegazioni di FISH e FAND, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, incontro cui hanno partecipato anche i Ministri Azzolina e Manfredi. In tale sede le Federazioni hanno presentato il documento “Le politiche future per la disabilità: un nuovo welfare per non lasciare indietro nessuno”

I diritti delle persone con disabilità e il livello di civiltà di un Paese

I diritti delle persone con disabilità e il livello di civiltà di un Paese

«Il livello di civiltà di un popolo e di uno Stato si misura anche dalla capacità di assicurare alle persone con disabilità inclusione, pari opportunità, diritti e partecipazione a tutte le aree della vita pubblica, sociale ed economica»: sono parole del Presidente della Repubblica Mattarella, pronunciate oggi, 3 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, messaggio apprezzato e subito raccolto da Francesco Vacca, Presidente dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla)

Disabilità e politiche future: un nuovo welfare che non lasci indietro nessuno

Il logo ufficiale scelto dalle Nazioni Unite per la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2020 di domani, 3 dicembre

In occasione di un incontro con alcuni alti rappresentantti istituzionali, tra cui il Presidente del Consiglio Conte e i Ministri Azzolina e Manfredi, in programma nel pomeriggio di oggi, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, le Federazioni FISH e FAND presenteranno l’ampio documento congiunto intitolato “Le politiche future per la disabilità: un nuovo welfare per non lasciare indietro nessuno”, «per un 3 dicembre che getti basi concrete nell’affrontare le numerose emergenze che riguardano milioni di cittadini con disabilità del nostro Paese e le loro famiglie»

Persone con disabilità: dalla gentile concessione all’esigibilità dei diritti

Persone con disabilità: dalla gentile concessione all’esigibilità dei diritti

Come fare, in questo momento storico a garantire il pieno diritto delle persone con disabilità? Come verificare e monitorare che vengano effettivamente realizzati i loro progetti individuali? Queste a altre sono le domande fondamentali alle quali si cercherà di trovare risposta durante il convegno annuale dell’ANFFAS denominato “Dalla gentile concessione all’esigibilità dei diritti. Il progetto individuale di vita ex articolo 14 legge 328”, che si terrà in modalità online domani, 2 dicembre, alla vigilia della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità

Per il Comune di Frascineto, in Calabria, l’inclusione è una priorità

Per il Comune di Frascineto, in Calabria, l’inclusione è una priorità

Già segnalato per avere adottato un Atto che ha posto le basi per la gestione delle emergenze a tutela delle persone con disabilità, con la definizione di una scala di priorità, a seconda delle specifiche situazioni di gravità, il Comune calabrese di Frascineto (Cosenza) ha istituito ufficialmente la figura del Garante per le problematiche riguardanti la disabilità, individuandolo nella persona di Gianfranco Pisano, presidente dell’Associazione SSB (Soccorso Senza Barriere), dopo avere interpellato anche le Federazioni FAND Calabria e FISH Calabria

La Regione Sicilia non sta attuando ciò che serve alle persone con disabilità

La Regione Sicilia non sta attuando ciò che serve alle persone con disabilità

La denuncia dell’ANFFAS Sicilia è chiara: «La didattica a distanza non è sufficiente a rispondere alle esigenze formative degli alunni e delle alunne con disabilità, e su un altro fronte la nostra Regione sta rischiando di perdere, per mancata programmazione, i fondi in buona parte non spesi, relativi alla “Legge sul Dopo di Noi”. In poche parole: la Regione Sicilia non sta attuando i provvedimenti necessari a far fronte ai bisogni delle persone con disabilità e delle loro famiglie, che in questo periodo di emergenza vengono spesso a trovarsi in una situazione di reale disperazione»

Nessun vincolo di residenza può limitare il diritto a una vita indipendente

Nessun vincolo di residenza può limitare il diritto a una vita indipendente

«Discriminatorio e irragionevole»: così il Tribunale di Milano ha definito il vincolo della residenza da almeno due anni in Regione, per usufruire della “Misura B1” (erogazione di un contributo mensile di almeno 600 euro al mese a sostegno della “disabilità gravissima”), come aveva stabilito a suo tempo la Regione Lombardia. In tal senso, dichiarando come diritto fondamentale delle persone quello a una vita indipendente e autonoma, è stato pienamente accolto iul ricorso presentato dalla Federazione LEDHA, dall’ANFFAS di Crema e di Legnano e dall’Associazione ASGI

Ancora solitudine e isolamento per le persone con disabilità e le loro famiglie

«È veritiero affermare che si stanno ripresentando situazioni che non avremo più voluto vedere»: a dirlo è Pier Angelo Tozzi, presidente della Consulta Provinciale delle Persone con Disabilità di Massa Carrara, esprimendo alla Regione Toscana alcune riflessioni sulla situazione che si trovano a vivere le persone con disabilità in questa seconda fase della pandemia e sviluppando le proprie argomentazioni nel porre l’accento sulla solitudine sperimentata delle persone con disabilità e delle loro famiglie, nonché sulla difficoltà di accesso alle cure sanitarie

Tutti i cittadini con disabilità dell’Unione Europea devono poter votare

Purtroppo, però, non è ancora così, come conferma un Parere della Sezione “Occupazione, Affari Sociali, Cittadinanza” del CESE (Comitato Economico e Sociale Europeo), fondamentale organo consultivo della Commissione Europea, dal quale risulta che ostacoli di tipo normativo continuano ad escludere dal voto tanti cittadini europei con disabilità intellettiva o con disabilità visiva, mentre problemi di accessibilità escludono quelli con disabilità motoria. L’augurio è dunque che le Istituzioni Europee vogliano tenere conto di quel Parere e far rispettare il diritto in tutti gli Stati

Un codice per avere sempre con sé le informazioni sui verbali di invalidità

Tramite un recente Messaggio, l’INPS ha informato che, nell’àmbito dei servizi online offerti al cittadino, è stato implementato il nuovo sistema “QR Code dell’invalidità civile”, per tutti i verbali di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità. Tale codice può essere dunque utilizzato per attestare in tempo reale lo stato di invalidità e accedere alle agevolazioni previste dalla normativa vigente in materia di invalidità civile, oltre agli eventuali bonifici erogati da soggetti esercenti, garantendo inoltre informazioni sempre attendibili e aggiornate

Finalmente nominata l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

Quanto mai attesa e ritenuta da più parti come non più prorogabile, è arrivata la nomina di Carla Garlatti quale Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. «Il ruolo di una figura istituzionale a tutela di bambini e adolescenti – commenta Daniela Fatarella, direttrice generale di Save the Children -, oggi intrappolati tra crisi sanitaria, crisi economica e contrazione delle opportunità educative, è quanto mai essenziale». E l’auspicio è che tale nomina coincida anche con un’attenzione sempre maggiore per i diritti dei minori con disabilità, “i più vulnerabili tra i vulnerabili”

Il Summit Europeo sull’Inclusione delle persone con disabilità

Organizzato per il 17 novembre in una speciale edizione virtuale dal Commissario per la Disabilità del Governo Federale della Germania l’“European Inclusion Summit” promuoverà un ampio scambio di idee, in vista della nuova Agenda Europea sui Diritti delle Persone con Disabilità 2020-2030. Per l’Italia parteciperà Antonio Caponetto, capo dell’Ufficio per le Politiche in favore della Disabilità della Presidenza del Consiglio, e verrà inoltre data evidenza alle attività della Fondazione LIA, quale esempio di “buona prassi” internazionale nel campo dei contenuti editoriali digitali accessibili

Senza statistiche attendibili sulla disabilità, niente politiche efficaci

Senza dati attendibili sulla disabilità, difficilmente si potrà arrivare a porre fine alle discriminazioni nei confronti delle persone con disabilità, tramite politiche efficaci. Per mettere quindi a disposizione di tutti uno strumento che fornisce varie conoscenze sulla raccolta, l’analisi e l’utilizzo delle statistiche sulla disabilità, l’IDA (International Disabilità Alliance), CBM e lo Stakeholder Group of Persons with Disabilities for Sustainable Development hanno prodotto il documento “Disability Data Advocacy Toolkit”, preziosa base di lavoro per la tutela dei diritti

Il “Decreto Ristori Bis” e le misure di interesse per la disabilità

Pubblicato nella serata di ieri, 9 novembre, in Gazzetta Ufficiale, il cosiddetto “Decreto Ristori Bis” (Decreto Legge 149/20) contiene – come segnala il Servizio HandyLex.org in un approfondimento di cui suggeriamo la consultazione – due disposizioni di interesse per le famiglie con minori o con persone con disabilità, provvedimenti riguardanti i congedi straordinari (articolo 13) e il “Bonus Baby Sitting” (articolo 14)

Chi ha chiesto a quella donna se voleva vivere in una struttura residenziale?

Nei giorni scorsi ci eravamo occupati di un fatto che aveva visto una donna con disabilità motoria subire per anni maltrattamenti, mortificazioni e violenze fisiche ad opera della sorella convivente. Torniamo ad occuparcene, per evidenziare il paradosso che la risposta a quella violenza abilista è stata ispirata al medesimo approccio abilista, incapace di cogliere la valenza segregante e discriminatoria delle strutture dedicate alle persone con disabilità. In altre parole: chi ha chiesto alla vittima se desiderava vivere in una struttura per persone con disabilità? Probabilmente nessuno

Con la pandemia che cresce, mai più persone con disabilità “isolate dal mondo”

«Di fronte alla nuova ondata della pandemia ancora più violenta, ogni risposta dovrà essere volta a mettere i diritti e le esigenze delle persone con disabilità al centro di tutti gli sforzi»: è questo il messaggio forte emerso durante un evento internazionale svoltosi in collaborazione con il Forum Europeo sulla Disabilità, che ha visto ogni riflessione prendere le mosse dal recente rapporto dell’International Disability Alliance, secondo cui la prima fase della pandemia ha evidenziato «la catastrofica incapacità di proteggere la vita, la salute e i diritti delle persone con disabilità»

DPCM e disabilità: bene l’attenzione, ma servono più coraggio e decisione

«Rileviamo con favore l’attenzione per le persone con disabilità e le loro famiglie, a partire dallo specifico articolo dedicato alla disabilità, oltre al recepimento, per quanto possibile, delle nostre istanze in materia di inclusione scolastica. E tuttavia riteniamo servano più coraggio e maggiore decisione, in particolare nel sostegno alle famiglie e ai lavoratori fragili o che abbiano familiari con disabilità»: lo dichiara Vincenzo Falabella, presidente della Federazione FISH, commentando i contenuti del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio (DPCM), presentato da Giuseppe Conte