Società

Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?

Una realizzazione grafica dedicata ai temi toccati dalla Riforma del Terzo Settore, curata dal Laboratorio Percorsi  di Secondo Welfare

Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e al Forum del Terzo Settore, con particolare riferimento a quelli operanti nell’ambito dell’associazionismo familiare e delle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, di fronte ai tanti cambiamenti introdotti dalla Riforma del Terzo Settore: a questo punta il progetto “ETS – Sviluppo in Rete”, promosso dall’ANFFAS, che verrà ufficialmente presentato domani, 24 ottobre, a Roma

L’autismo merita rispetto e sostegno, non luoghi comuni e pregiudizi!

Beppe Grillo

La FISH si esprime duramente nei confronti di alcune parole pronunciate da Beppe Grillo a Roma, durante la kermesse del Movimento 5 Stelle. «Quelle frasi che dileggiano l’autismo – dichiarano dalla Federazione -, provengono dal “padre nobile” di un Movimento che ha la maggioranza relativa in Parlamento e che, assieme alla Lega, ha fortemente voluto un Ministero per la Famiglia e per le Disabilità. Come innumerevoli altre condizioni, l’autismo merita rispetto, prima ancora di quel sostegno e supporto all’inclusione che, al momento, restano ancora lettera morta in qualche tweet o slogan»

Pratiche e tesi intorno al valore sociale della disabilità

Pratiche e tesi intorno al valore sociale della disabilità

Domani, 19 ottobre, e sabato 20, vi sarà a Milano la terza edizione di “Immaginabili Risorse. Pratiche e tesi intorno al valore sociale della disabilità”, meeting promosso dalla Rete Includendo, nata come laboratorio di ricerca-azione strutturato attorno alle strategie più efficaci per una reale inclusione sociale delle persone con disabilità nei contesti del territorio. Saranno due giorni densi di pensieri, riflessioni e confronto, ma anche di tanto divertimento, grazie all’evento collegato “Immaginabili… è FUORI!”, che proporrà serate culinarie e musicali, dislocate tra Milano e Monza

“Uno sguardo raro” verrà presentato alla Festa del Cinema di Roma

Paolo Sassanelli e Beniamino Marcone nel cortometraggio "Una bellissima bugia" di Lorenzo Santoni, vincitore al Festival "Uno sguardo raro" dello scorso anno

Il Festival vero e proprio si terrà nel mese di febbraio del prossimo anno e le iscrizioni sono ancora aperte sino a fine novembre, ma già dopodomani, 20 ottobre, la presentazione della quarta edizione di “Uno sguardo raro”, il Festival di cinema internazionale sul tema delle Malattie Rare, potrà svolgersi in uno scenario decisamente prestigioso, essendo prevista in uno degli spazi della “Festa del Cinema di Roma”, aperta oggi nella Capitale. «Ad oggi – spiegano i promotori – abbiamo ricevuto già oltre 300 opere da 56 Paesi, e quindi a buona ragione possiamo ribadire: “Rari sì, ma non soli!”»

Rossano Bartoli nuovo Presidente della Lega del Filo d’Oro

Rossano Bartoli (a sinistra) e Francesco Marchesi, rispettivamente nuovo Presidente e Presidente uscente della Lega del Filo d'Oro

Storica Associazione impegnata da oltre cinquant’anni a fianco delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, in un processo di sviluppo che la porta ad affrontare nuove sfide senza soluzione di continuità, la Lega del Filo d’Oro ha rinnovato il proprio Consiglio di Amministrazione, eleggendo alla Presidenza Rossano Bartoli, già da molti anni Segretario Generale dell’organizzazione e istituendo la nuova carica di Direttore Generale, ricoperta da Daniele Bonifazi

Quei quadri dipinti vedendo solo ombre

Andrea Ferrero, "Ipovisione"

Lavora in àmbito di accessibilità dell’arte, trasmette sulle onde di una “storica” emittente locale di Cagliari, ha recitato in una docufiction, pratica sci nautico e da qualche tempo non riesce più a smettere di dipingere. Ma come si potrà dipingere vedendo solo ombre, visto che a causa della retinite pigmentosa Andrea Ferrero conserva ormai solo un lievissimo residuo visivo? Ce lo racconta lui stesso, in questa bella intervista curata da Stefania Leone

Il primo Forum Internazionale sull’Accessibilità Culturale

Il primo Forum Internazionale sull’Accessibilità Culturale

Due giornate aperte al pubblico, dove esperti a livello nazionale e internazionale discuteranno su cosa significhi per una città pensare e produrre cultura in modo accessibile, mettendo in campo azioni per favorire la partecipazione, l’inclusione e l’accoglienza, rendendo la cultura un bene comune fruibile da tutti: sarà questo, domani, 16 ottobre, e martedì 17 a Torino, il primo Forum Internazionale sull’Accessibilità Culturale, organizzato all’interno del Progetto “Torino. Verso una città accessibile” e nell’àmbito della seconda edizione della manifestazione “Torino Design of the City”

“Emergenza e fragilità”: il percorso continua

La locandina dedicata ai nuovi appuntamenti di "Emergenza e fragilità" e in particolare al convegno di domani, 12 ottobre, a Milano

“La comunicazione inclusiva nel progetto e nella pianificazione dell’emergenza di edifici, luoghi ed eventi ad alto affollamento” e “Dalla fragilità le risposte per affrontare l’emergenza”: questi i titoli del convegno e dell’incontro pubblico che domani, 12 ottobre, e il giorno successivo, apriranno a Milano la nuova edizione di “Emergenza e fragilità”, percorso nato per costruire una rete interdisciplinare che condivida buone pratiche e proposte sulla sicurezza inclusiva e la riduzione del rischio in caso di catastrofe, a partire dalle specifiche necessità dei cittadini più fragili

Insieme a scuola, insieme nel mondo, per non essere guardati solo a metà

La copertina del libro "Lea va a scuola"

«Insieme a scuola, insieme nel mondo» e «Non guardarmi solo a metà»: sono questi i messaggi lanciati rispettivamente dal CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down) e dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), in occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down) del 14 ottobre, che in questo fine settimana vedrà impegnate entrambe le organizzazioni, in tante città italiane, a distribuire buona informazione, “messaggi di cioccolato” e anche a parlare del libro “Lea va a scuola”, contro ogni pregiudizio e stereotipo

Un “suggenitore”, per rafforzare la nuova cultura sulla disabilità

Che cos’è esattamente un “suggenitore”, così come si autodefinisce Agostino Squeglia? Semplicemente il genitore di una persona con disabilità «che suggerisce emozioni, leggendo le pagine della letteratura italiana sul tema della disabilità, nei consessi di formazione e ovunque sia necessario». Una figura, quindi, che può contribuire in modo sostanziale a diffondere una nuova cultura sulla disabilità, come sta facendo in questi giorni a Treviso, all’interno del “CartaCarbone Festival”, manifestazione dedicata alla letteratura autobiografica, ove cura la rassegna “Vite Abilmente Diverse”

X Fragile: siamo Persone, non siamo una sindrome!

Oggi, 10 ottobre, è la Giornata Europea della Sindrome X Fragile, dedicata a questa condizione genetica, che è la prima causa di disabilità intellettiva di tipo ereditario e la seconda causa di disabilità intellettiva su base genetica dopo la sindrome di Down. Si tratta di un evento in cui coloro che ne sono colpiti lanciano un messaggio semplice, ma al tempo stesso forte e chiaro: «Io sono una Persona e non voglio più essere la mia sindrome! Voglio andare a scuola, lavorare ed essere inserito nella società come tutti gli altri!»

L’occasione perduta di avviare un nuovo modello di sviluppo

«Poteva essere, e molti se lo auguravano, una svolta, ma così non è. Tra luci e ombre e molte contraddizioni, si è persa infatti un’occasione per voltare pagina rispetto all’obiettivo di mettere i primi mattoni di un nuovo modello di sviluppo fondato sull’ambiente, i diritti, lo sviluppo»: così la Campagna “Sbilanciamoci!”, iniziativa composta da un nutrito gruppo di organizzazioni della società civile – tra cui anche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – si esprime sulla Nota di Aggiornamento del DEF (Documento di Economia e Finanza), prodotta dal Governo

Facciamo sparire la sclerosi multipla, insieme, con le mele dell’AISM

La cura definitiva non c’è ancora, ma la ricerca ha fatto grandi progressi. Per questo è importante continuare a sostenere gli studi sulla sclerosi multipla, grave malattia del sistema nervoso centrale, cronica, imprevedibile e spesso invalidante, che nella metà dei casi colpisce persone sotto i quarant’anni. Proprio per continuare a dare forza alla ricerca e per ampliare i servizi dedicati ai giovani colpiti dalla malattia, l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) torna in questi giorni nelle piazze, con milioni di mele, nell’anno in cui festeggia il suo cinquantesimo anniversario

La società è plurale: in questo sta la sua ricchezza

«Non sta ad un rappresentante del Governo dire che ci dovrebbe essere una sola Federazione di persone con disabilità. La società è plurale: qui risiede la sua ricchezza e le sue risorse. Le Istituzioni svolgano il proprio ruolo e noi il nostro»: così Vincenzo Falabella, presidente della Federazione FISH, replica a Vincenzo Zoccano, sottosegretario al Ministero per la Famiglia e le Disabilità, rispetto a quanto dichiarato in una recente intervista. La FISH rivendica anche l’applicazione del Programma di Azione per i diritti e l’integrazione delle persone con disabilità

“Dare mi dà”: il movimento circolare dei volontari della UILDM

«I nostri volontari sono persone con e senza disabilità e questo è il punto di forza della nostra Associazione. “Dare mi dà” è quindi un messaggio che innesca un movimento circolare in cui tutti offrono tempo, passione, competenze e ricevono altrettanto, se non di più»: così Marco Rasconi, presidente della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), presenta la quarta “Settimana delle Sezioni UILDM”, che da oggi, 8 ottobre, e fino al 14 ottobre, baserà le iniziative in programma sullo slogan “Dare mi dà” e i cui protagonisti saranno i volontari, vero “motore” dell’Associazione

“Scacco al bullo”, il concorso della FISH rivolto alle scuole superiori

«Le colonne dei giornali troppo spesso riportano angosciose vicende di violenza e bullismo. Sovente riguardano anche persone con disabilità e, a rendere ancora più inquietanti questi fatti, sono investiti minori. C’è una linea comune che unisce questi episodi: l’aggressione contro chi appare diverso o più debole»: così Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), lancia il concorso “Scacco al bullo”, rivolto fino al 16 novembre alle ragazze e ai ragazzi che frequentano le scuole superiori di secondo grado

“Attraversare lo specchio”, per andare oltre tutte le paure e le diversità

«La promozione della diversità culturale e del dialogo culturale, della cultura quale catalizzatore della creatività e quale elemento essenziale delle relazioni internazionali»: sono questi gli obiettivi di “Attraverso lo specchio”, rassegna di cultura cinematografica in corso a Roma fino al 3 ottobre, curata dalla Cooperativa Sociale Integrata Matrioska, «iniziativa che vuole anche favorire la partecipazione di persone con disabilità secondo nuovi modelli e metodologie di accoglienza e ascolto della disabilità, specie intellettiva, relazionale e legata al disagio psichiatrico»

Non chiamiamola punizione, chiamiamola sensibilizzazione ed educazione

Concordano, i Presidenti delle Associazioni ANGSA e ANFFAS, sulla necessità che il provvedimento adottato nei confronti di uno studente protagonista di gesti violenti su un compagno con autismo (affiancare un altro studente con disabilità, per aiutarlo negli studi), debba essere visto all’insegna di un approccio educativo e non punitivo. Sollevano per altro alcune perplessità, su quello stesso provvedimento, dalla necessità di non lasciare solo il ragazzo accanto al compagno con disabilità, all’opportunità di portare all’interno di quella scuola alcuni esperti del mondo delle Associazioni

Alessandro Bergonzoni: vent’anni al fianco della Casa dei Risvegli

Sono in mostra a Bologna i manifesti e gli spot realizzati dal 1999 a oggi da Alessandro Bergonzoni, in favore della Casa dei Risvegli Luca De Nigris, l’innovativo centro pubblico di assistenza e ricerca rivolto a persone con esiti di coma e stato vegetativo. In tal senso, il noto attore, comico, scrittore e artista è certamente uno dei casi più longevi di un testimonial unito a una causa sociale. L’esposizione si protrarrà fino al 7 ottobre, data che coinciderà con la ventesima Giornata dei Risvegli per la Ricerca sul Coma – Vale la Pena, evento promosso dall’Associazione degli Amici di Luca