Autonomia

Come possono marciare assieme la sostenibilità ambientale e l’inaccessibilità?

Come possono marciare assieme la sostenibilità ambientale e l’inaccessibilità?

È decisamente questa la domanda da porsi, di fronte a un Comune insignito da anni di un riconoscimento internazionale quale la Bandiera Blu, per la gestione sostenibile del proprio territorio, quello stesso Comune condannato per discriminazione nei confronti delle persone con disabilità a causa della presenza di barriere, dopo un’azione promossa dall’Associazione Coscioni e da due cittadini. Accade a Sperlonga, nel Lazio, cui il Tribunale di Latina ha prescritto tra l’altro di realizzare entro due mesi varie opere e infrastrutture, per rendere accessibili alcuni tratti di spiaggia e di mare

“+ARIA” per bambini e bambine con la sindrome CHARGE

Vi è anche l'ortoterapia, oltre all'ippoterapia e alla pet therapy, tra le iniziative per i bambini e le bambine con sindrome CHARGE, proposte nell'àmbito del progetto "+ARIA"

“+ARIA”, ovvero “Attività Ricreative Inclusive e Assistenza” ai bimbi e alle bimbe con sindrome CHARGE, malattia rara che è una delle principali cause di sordocecità congenita: si chiama così il progetto promosso da CBM Italia, insieme a Mondo CHARGE e al Servizio Nazionale per la Pastorale delle Persone con Disabilità della Conferenza Episcopale Italiana, consistente in un intervento a supporto di ventidue famiglie che convivono con la CHARGE, cui l’emergenza coronavirus ha sottratto servizi essenziali; il tutto per garantir loro percorsi riabilitativi e ricreativi della durata di tre mesi

Si potrebbe risolvere rapidamente la questione del parcheggio tra le strisce blu

Si potrebbe risolvere rapidamente la questione del parcheggio tra le strisce blu

Continua l’impegno di Cittadinanzattiva e dell’Associazione UILDM, sostenute da Legambiente, volto a garantire in tutti i Comuni d’Italia l’esenzione dal pagamento del parcheggio tra le strisce blu, per le persone con disabilità munite di contrassegno. Ma la Proposta di Legge che porterebbe a tale risultato, eliminando l’attuale difformità tra Comune e Comune, è ancora ferma alla Camera e per questo le stesse Cittadinanzattiva e UILDM ritengono che un emendamento a costo zero nel cosiddetto “Decreto Rilancio” porterebbe a una soluzione semplice e più immediata

Trovare i luoghi accessibili alle carrozzine con Google Maps

Una realizzazione grafica dedicata alla nuova funzione di Google Maps "Accessible Places"

Sapere in anticipo se i luoghi nei quali si intende recarsi presentano barriere oppure no per persone anziane, persone che si spostano in carrozzina, oppure col deambulatore, o che hanno un passeggino al seguito: questo consente di fare la nuova funzione di Google Maps denominata “Accessible Places” (“luoghi accessibili”), attivata per ora negli Stati Uniti, in Australia, in Giappone e nel Regno Unito, ma presto in distribuzione anche in altri Paesi

Persone con disabilità visiva: come districarsi nella “giungla” della fase 2

Persone con disabilità visiva: come districarsi nella “giungla” della fase 2

Camminare per strada, districandosi tra persone in coda e ostacoli di ogni genere, salire su un mezzo pubblico, mantenere il distanziamento sociale: sono azioni che per le persone cieche e ipovedenti rappresentano un problema tutt’altro che semplice, tanto da far dire, all’UICI di Torino, che per le persone con disabilità visiva questa fase 2 è una sorta di “giungla”. Ecco perché la stessa Associazione torinese si sta impegnando in un dialogo costruttivo con le istituzioni territoriali e con i cittadini, suggerendo strategie concrete per agevolare gli spostamenti di chi non vede o vede poco

“In viaggio verso un sogno”, storia di autodeterminazione contro gli stereotipi

Gli attori Zack Gottsagen e Shia LaBeouf in una scena di "In viaggio verso un sogno - The Peanut Butter Falcon"

«Una storia emozionante e ironica al tempo stesso, che accompagna il grande pubblico a conoscere la sindrome di Down, toccando temi fondamentali come le basse aspettative e l’autodeterminazione e sfidando tanti stereotipi sulla disabilità»: questo è “In viaggio verso un sogno – The Peanut Butter Falcon”, film rivelazione negli Stati Uniti, che ha tra i protagonisti Zack Gottsagen, emergente attore con sindrome di Down, e che dal 1° giugno sarà visibile in Italia su alcune piattaforme digitali, grazie a Officine UBU, con la collaborazione dell’Associazione AIPD e del CoorDown

“Marche, bellezza infinita!” ed è certamente vero, ma il turismo accessibile?

“Marche, bellezza infinita!” ed è certamente vero, ma il turismo accessibile?

«La Regione Marche – dichiarano dalla Consulta per la Disabilità della Regione stessa – ha recentemente presentato il rinnovato portale “TurismoMarche.it”, ma nonostante il nostro costante impegno di collaborazione con i rappresentanti istituzionali, per far sì che esso tenesse conto anche del turismo accessibile, dobbiamo prendere atto che le proposte e le richieste da noi formulate a favore delle persone con disabilità, sono state completamente ignorate, a partire da quella di realizzare uno specifico portale sul turismo accessibile»

Un registro, in Lombardia, per i Piani di Eliminazione delle Barriere

Un registro, in Lombardia, per i Piani di Eliminazione delle Barriere

L’istituzione di un registro nel quale far confluire i dati dei Comuni in merito ai PEBA (Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche), allo scopo di innescare percorsi virtuosi che favoriscano l’inclusione delle persone con disabilità nella vita cittadina: consiste in questo il Progetto di Legge approvato dal Consiglio Regionale della Lombardia, su proposta del consigliere Michele Usuelli e su iniziativa dell’Associazione Coscioni, inserendosi in un percorso già avviato dalla Legge Regionale 9/20, che aveva disposto finanziamenti ai Comuni anche per l’abbattimento delle barriere

Un nuovo inizio per il Museo Omero

Una visita ad occhi chiusi al Museo Tattile Statale Omero di Ancona

La data di dopodomani, 29 maggio, potrà essere in un certo senso considerata “storica” per il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, struttura invidiata a livello internazionale, non solo perché coinciderà con il 27° compleanno di essa, ma anche e soprattutto perché nel pomeriggio verranno riaperte le porte al pubblico, dopo il lungo stop forzato a causa dell’emergenza coronavirus. Sarà quindi un vero e proprio “nuovo inizio”, contrassegnato naturalmente da alcune regole per visitare gli spazi in sicurezza, tanto più importanti per un museo tattile

Al Museo con la SLA: senza limiti artistici

«Questo progetto si inserisce in un filone innovativo di terapie, quello cioè di affiancare a un percorso medico quello artistico»: lo dicono dall’AISLA di Firenze, a proposito dell’iniziativa “Al Museo con la SLA: senza limiti artistici”, tramite la quale l’Associazione porta le persone con la SLA (sclerosi laterale amiotrofica) e i loro caregiver familiari a visitare mensilmente musei, chiese, luoghi d’interesse artistico e storico. In questo periodo di emergenza, il percorso è diventato virtuale, con una visita al centro di Firenze, ripercorrendo la storia della famiglia Medici

L’accessibilità culturale: un diritto e una necessità

Già attiva in àmbito di accessibilità e fruibilità dell’arte con il progetto “DescriVedendo”, che fa rispettare i diritti delle persone con disabilità visiva, ma anche le necessità dei musei di accogliere una platea sempre più ampia, l’ANS (Associazione Nazionale Subvedenti) presenterà ora, nel corso di un incontro online in programma per il 29 maggio, il progetto “MusA-MUSeo Accessibile”, consistente in un’app gratuita (per iOS e Android) e completamente accessibile, sviluppata in partenariato con l’Università Statale di Milano e il contributo della Fondazione di Comunità Milano

Inclusione sociale delle persone con disabilità uditiva

Costituito dalla Fondazione Pio Istituto dei Sordi presso la Fondazione Comunità Milano, per sostenere in senso ampio iniziative nell’àmbito della sordità che contribuiscano a realizzare i princìpi della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, il Fondo Sordità Milano ha lanciato il bando denominato “Inclusione sociale delle persone con disabilità uditiva”, aperto fino al 31 luglio a idee progetto mirate appunto all’inclusione sociale delle persone con disabilità uditiva, con particolare attenzione alla gestione dell’attuale emergenza coronavirus

Per fare bene veramente, l’arte dev’essere accessibile a tutti

È importante la riapertura di musei e strutture culturali, perché, come sottolineano dall’Associazione L’abilità di Milano, «la bellezza, l’arte e la cultura possono essere una risposta fondamentale al disagio sociale di questi mesi di isolamento. E tuttavia, se visitare un museo fa bene a tutti, allora dev’essere accessibile davvero a tutti». E del resto, la stessa Associazione L’abilità è da tempo impegnata a fondo su questo fronte, con il progetto “Museo per tutti”, realizzato insieme alla Fondazione De Agostini, al quale hanno già aderito numerose strutture culturali del nostro Paese

Aiutami a vederti!

Lo scopo contingente è quello di sensibilizzare i cittadini sulle difficoltà incontrate dalle persone con disabilità visiva nel rispettare le regole di distanziamento sociale, ma più in generale si punta a far crescere l’attenzione nei confronti di chi potrebbe avere bisogno di aiuto anche in altre situazioni, come identificare il posto giusto su un autobus, attraversare la strada o entrare in un edificio pubblico: è questo l’obiettivo della campagna “Aiutami a vederti”, promossa dall’APRI di Torino (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), che intende diffonderla a livello nazionale

“Ora, più che mai”, a fianco dei bambini malati e con disabilità

«Ora, più che mai vogliamo prenderci cura dei bambini, dei ragazzi e delle famiglie che a noi fanno riferimento, per rispondere ai loro bisogni e realizzare nuove forme di sostegno adatte alla situazione di emergenza e post-emergenza»: a dirlo è Enrica Baricco, presidente di CasaOz a Torino, luogo in cui i bambini malati o con disabilità e le loro famiglie instaurano rapporti amicali e solidali, con l’aiuto di educatori e volontari. E “Ora, più che mai” è appunto la campagna lanciata in queste settimane, grazie alla quale potenziare le modalità digitali di incontro, ascolto e relazione

Tutta virtuale, ma non meno ricca, la Settimana dell’Accessibilità Comunicativa

Già da quattro anni la Cooperativa Sociale trentina GSH promuove la Settimana dell’Accessibilità Comunicativa, per riflettere sulla necessità di costruire una società inclusiva, volta al miglioramento della comunicazione per le persone con bisogni comunicativi complessi, caratteristica, questa, che è un comune denominatore di molte disabilità, patologie e sindromi. E anche in questo 2020, pur in un’edizione tutta virtuale, questa manifestazione continuerà a diffondere il proprio messaggio, con varie iniziative, dal 25 al 29 maggio, tutte centrate sulla Comunicazione Aumentativa (CA)

Accessibilità: gli stanziamenti e i premi vadano a Comuni e privati virtuosi

Nell’esprimere apprezzamento per le parole del presidente del Consiglio Conte, che durante l’informativa alle Camere di oggi, 21 maggio, ha assicurato un maggiore impegno da parte del Governo «nel promuovere al massimo grado l’accessibilità, con particolare attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati», l’Associazione Luca Coscioni, oltre ad auspicare che tale impegno venga davvero posto in essere, chiede che gli stanziamenti vadano in primo luogo ai Comuni e ai privati che già si sono mossi sulla strada dell’accessibilità

Una app gratuita a supporto delle persone con disabilità visiva

Non è certo stata scelta casualmente la data del 21 maggio, Giornata Mondiale dell’Accessibilità, per lanciare la versione italiana di “Seeing AI”, app gratuita ideata per persone con disturbi visivi, che trasforma l’ambiente circostante in un’esperienza completamente uditiva. Tale realizzazione arriva oggi nel nostro Paese grazie alla collaborazione con Microsoft da parte di organizzazioni come l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), che hanno lavorato anch’esse al perfezionamento e alla messa a punto

Trento presenta il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche

Analisi dello stato di fatto, progettazione degli interventi e stima dei costi, programmazione degli interventi con relativo cronoprogramma: sono le tre fasi sulle quali si articolerà il primo PEBA (Piano di Eliminazione delle Barriere Archiettoniche) della città di Trento, che verrà presentato nel pomeriggio di domani, 21 maggio, nel corso di una videoconferenza