Autonomia

Stiamo al Passo ovvero Insieme per l’inclusione

Stiamo al Passo ovvero Insieme per l’inclusione

In vista della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 dicembre, il Comune di Cinisello Balsamo (Milano) tornerà a promuovere la Settimana della Disabilità (“Stiamo al Passo. Insieme per l’inclusione”), offrendo uno spazio di visibilità e promozione alle iniziative delle diverse realtà che operano in àmbito di disabilità sul proprio territorio. Il ricco programma, tutto online, si articolerà da domani, 27 novembre, al 3 dicembre, ed è stato allestito in collaborazione con il progetto L-inc, che dal 2017 sperimenta percorsi di vita indipendente delle persone con disabilità

Bene i mezzi ecologici, ma evitare incidenti alle persone con disabilità visiva

Bene i mezzi ecologici, ma evitare incidenti alle persone con disabilità visiva

«Da quando sono entrati in servizio biciclette e monopattini “a flusso libero” – sottolineano dall’UICI di Torino -, che una volta terminato il tempo di noleggio possono essere lasciati ovunque, nella nostra città gli incidenti ai danni di persone con disabilità visiva sono divenuti frequenti, l’ultimo dei quali qualche giorno fa. Non siamo contrari ai mezzi ecologici, ma serve finalmente una disciplina, che rispetti le esigenze di tutti. I marciapiedi sono diventati una giungla e per chi non vede il rischio è alto. Cosa si aspetta ad intervenire? Che qualcuno si faccia male “seriamente”?»

Il nuovo sito del Museo Tattile Omero: al centro l’accessibilità per tutti

Il nuovo sito web del Museo Omero è stato pensato per essere agevolmente  navigabile sia da un computer desktop che da dispositivi mobili (tablet e smartphone)

Presentato pubblicamente nei giorni scorsi, il nuovo sito web istituzionale del Museo Tattile Statale Omero di Ancona intende pienamente interpretare e rispecchiare la filosofia di tale struttura, che da sempre pone l’accessibilità al centro della propria riflessione ed esperienza. «Un’accessibilità – viene precisato – intesa come una via di entrata semplice e intuitiva ai contenuti, per tutti, a prescindere dagli strumenti utilizzati»

Non più assistenza, protezione e custodia, ma casa, lavoro e vita sociale

Non più assistenza, protezione e custodia, ma casa, lavoro e vita sociale

Ovvero il diritto di scegliere dove vivere, con chi vivere e a partecipare alla vita sociale della comunità con la stessa libertà di scelta di tutti i cittadini: è questa la filosofia del Progetto di Legge Regionale denominato “Politiche di welfare sociale regionale per il riconoscimento del diritto alla vita indipendente e all’inclusione sociale di tutte le persone con disabilità”, che la Federazione lombarda LEDHA presenterà al Consiglio Regionale della Lombardia il 23 novembre in diretta streaming

Va quest’anno alla Danimarca il premio per l’aeroporto europeo più accessibile

Un'immagine dell'Aeroporto di Copenaghen

«Premiare e condividere le buone pratiche attuate dagli aeroporti in termini di accessibilità e di assistenza alle persone con disabilità, servirà a motivare un numero sempre maggiore di scali europei a migliorare l’accessibilità dei viaggi aerei»: così l’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità, parla dell’“Accessible Airport Award”, premio agli scali europei più accessibili, promosso da ACI-Europe, il Consiglio Internazionale degli Aeroporti Europei, insieme all’EDF stesso. Ad aggiudicarsi quest’anno il riconoscimento è stato l’Aeroporto di Copenaghen, la capitale della Danimarca

Il progetto di un autobus marittimo fatto per essere fruibile da tutti

Un disegno degli interni del catamarano "Poseidon", progettato da Angela Denise Peri, all'insegna del "Design for All"

“Poseidon. Progetto avanzato di un catamarano solare ibrido ed elettrico per il trasporto dei passeggeri”: si chiama così la tesi di laurea discussa dalla neoingegnera Angela Denise Peri, centrata su un progetto pensato “con l’anima”, riguardante cioè un mezzo di trasporto che possa essere fruibile da tutti, bambini, anziani, donne incinte, mamme con i passeggini e persone con ogni tipo di disabilità, un ambiente del tutto inclusivo in cui ogni persona, al di là dei propri problemi, possa sentirsi a proprio agio

Le mascherine giuste per non escludere le persone sorde dalla vita sociale

Una mascherina trasparente

«Le mascherine chirurgiche, purtroppo, ostacolano la lettura labiale ed escludono le persone sorde dalla vita sociale»: lo dichiarano dall’Associazione Luca Coscioni, dal Movimento LIS Subito! e dall’Associazione Emergenza Sordi, che per questo hanno scritto al Presidente del Consiglio e ai Ministri di Salute e Istruzione, «per sollecitare un intervento concreto e incisivo affinché si proceda alla dotazione di mascherine trasparenti certificate, che permettano la lettura labiale, sia nei luoghi pubblici che privati, scuole e ospedali inclusi, ovunque cioè si fornisca un servizio all’utenza»

Suonare la batteria con le protesi, ovvero niente è davvero impossibile!

Monica Schneider Graziosi insieme al suo fedele amico a quattro zampe. Alla sua destra la batteria che suona con le protesi preparate al Centro Protesi INAIL

«Un po’ di tempo fa mi è venuto il desiderio di imparare a suonare la batteria. Mi sono così rivolta al Centro Protesi INAIL di Roma, mettendo in conto che avrei anche potuto ricevere un invito a farmi vedere da un bravo psichiatra! E invece la mia sfida è stata accolta con grande entusiasmo e oggi ho due protesi con le quali sto imparando a suonare la batteria!»: è una storia, quella di Monica Schneider Graziosi, donna con tetrafocomelia (mancanza di tutti e quattro gli arti), che dimostra come nulla sia davvero impossibile, specie se sulla propria strada si incontrano le persone giuste

Un progetto di legge regionale basato sul diritto alla vita indipendente

Un progetto di legge regionale basato sul diritto alla vita indipendente

Il 23 novembre prossimo, durante un incontro in diretta streaming, la Federazione lombarda LEDHA presenterà al Consiglio Regionale della Lombardia il proprio Progetto di Legge Regionale denominato “Politiche di welfare sociale regionale per il riconoscimento del diritto alla vita indipendente e all’inclusione sociale di tutte le persone con disabilità”, che afferma il diritto di queste ultime a vivere nella società con la stessa libertà di scelta degli altri, un diritto da garantire a tutti, a prescindere dal tipo di disabilità e dal tipo di sostegno necessario

Politiche, piani ed esperienze per città accessibili a tutti

“Superamento delle disuguaglianze. Politiche, piani ed esperienze per città accessibili a tutti”: è questo l’incontro online che si terrà il 18 novembre, all’interno di “Urbanpromo. Progetti per il Paese”, incontro incluso nell’àmbito del progetto dell’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica) “Città accessibili a tutti”. «Le misure di distanziamento fisico e sociale dell’emergenza Covid-19 – sottolineano i curatori, delineandone l’assunto di base – hanno contribuito ad accentuare le disuguaglianze nell’accesso a spazi e servizi da parte delle componenti più fragili della popolazione»

Noi, persone con disabilità intellettiva, protagonisti di una nuova cultura

«Sono autistico e questo non si può cambiare, ma vorrei essere più autonomo e libero del mio tempo, anche se so che costruire il mio tempo è un “lavorone”. Tutti dicono la loro sull’autismo, ma a me nessuno ha chiesto mai niente. Spero che quanto prima noi persone con disabilità intellettiva saremo protagonisti di una trasformazione sociale della disabilità»: lo dice Lorenzo Mansi, che ha partecipato a “Parliamo di diritti”, progetto dell’Associazione YAWP (Disabilità Intellettiva e Vita Indipendente), basato sulla Convenzione ONU e sul lavoro del Centro Studi DiVi dell’Università di Torino

“HANDImatica 2020”: tecnologie digitali per la comunità fragile

Sarà questo il tema della dodicesima edizione di “HANDImatica”, il tradizionale evento promosso dalla Fondazione ASPHI, che si terrà tutto in edizione online dal 26 al 28 novembre, articolando numerosi appuntamenti soprattutto sullo smart working per le persone con disabilità, sulla trasformazione della scuola tra didattica a distanza e didattica inclusiva integrata con il digitale, sulla situazione degli anziani fragili ai tempi del Covid-19 e sulle tecnologie nei centri per persone adulte con disabilità

Bene quel questionario sui diritti dei minori, meglio però se anche accessibile

«Quel questionario della Commissione Europea – denunciano dalla Federazione LEDHA -, che chiede ai minori di esprimere un’opinione sul rispetto dei loro diritti, non è stato costruito in chiave inclusiva e accessibile e quindi non consente di parteciparvi ai giovani con disabilità intellettiva, sensoriale o con deficit di comunicazione. Invitiamo quindi la Commissione Europea a non discriminare i minori con disabilità e a rendere accessibile quel questionario, secondo gli standard richiesti, sollecitando preventivamente anche un parere agli esperti appartenenti al movimento della disabilità»

Arrivano i premi per i futuri geometri che vogliono abbattere le barriere

Un progetto di abbattimento delle barriere architettoniche nel costruito, in diverse categorie di intervento (spazi urbani, edifici pubblici e scolastici, strutture per il tempo libero), che rispetti la normativa vigente in materia di accessibilità, in ottica di “Universal Design”: questo chiedeva agli Istituti Tecnici per Geometri l’ottavo concorso “I futuri geometri progettano l’accessibilità”, promosso dall’Associazione FIABA e dal CNGeGL (Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati). E domani, 12 novembre, è in programma l’evento conclusivo online, con le varie premiazioni

Una nuova app, per far crescere l’inclusione delle persone con disabilità

Avviato due anni fa grazie a un finanziamento europeo, da parte di un consorzio che ha per capofila la Cooperativa Margherita di Sandrigo (Vincenza), con alcuni partner continentali, il progetto “Mind Inclusion 2.0” punta a trovare soluzioni sostenibili e inclusive che permettano alle persone con disabilità, soprattutto intellettiva, di partecipare maggiormente alla vita sociale, in particolare attraverso l’uso di strumenti tecnologici, utili a superare gli ostacoli presenti nei luoghi pubblici. Il risultato più concreto è l’app “Mind Inclusion”, sorta di “Tripadvisor dell’inclusione”

La pandemia lo sta rendendo sempre più chiaro: la sottotitolazione è un diritto

I media audiovisivi tradizionali, come le trasmissioni televisive, ma anche i servizi “on-demand”, i festival cinematografici e ogni altro evento dal vivo: per tutto ciò serve la sottotitolazione in tutta Europa, curata da operatori qualificati, tenendo anche conto di come la pandemia stia ulteriormente accentuato la necessità di rendere sempre più accessibili i vari contenuti audiovisivi: lo si è detto durante la conferenza internazionale “L’accessibilità come diritto umano: la sottotitolazione intralinguistica in tempo reale e la prospettiva dell’utente finale”

Vita Indipendente ovvero decidere per sé e per la propria vita

«La Vita Indipendente è quello che dice la Convenzione ONU: vivere nella società sulla base di uguaglianza con le altre persone indipendentemente dalle condizioni personali, sociali e di disabilità in cui ci si trova»: a dirlo è Natascia Curto, docente dell’Università di Torino e componente, nel medesimo Ateneo, del Centro Studi Interdipartimentale per i Diritti e la Vita Indipendente, che il 12 novembre condurrà un seminario in rete promosso dal Gruppo Giovani della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), nell’àmbito del percorso “Si fa presto a dire Vita Indipendente”

Una mamma con la sclerosi multipla va sostenuta

Tra le organizzazioni che vengono affiancate in queste settimane dal tradizionale evento “Trenta Ore per la Vita”, vi è anche l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), all’insegna dello slogan “Una mamma con sclerosi multipla va sostenuta”, per rendere sempre più solido il progetto della stessa AISM “Sclerosi multipla: giovani mamme e bambini”, attivo al momento in cinquanta città italiane, con varie équipe, composte da psicologi, consulenti legali, volontari e operatori professionali. L’obiettivo è quello di estendere tale rete di protezione a ottanta città del nostro Paese

Un nuovo portale tutto accessibile per l’Associazione sammarinese Attiva-Mente

Sport, Cultura e Solidarietà sono le tre principali “vocazioni” dell’Associazione Attiva-Mente, impegnata ormai da molti anni, nella Repubblica di San Marino, in àmbito di disabilità. E ora Attiva-Mente dispone anche di un portale web tutto rinnovato, voluto con la precisa intenzione di garantirne l’accessibilità alle persone con ogni forma di disabilità e con la consapevolezza che l’abbattimento delle barriere digitali dovrebbe costituire per tutti un obbligo normativo e morale